1 Aprile 2019

L’Emilia Romagna svecchia la flotta, treni tutti nuovi a fine anno

Morena Pivetti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Sono l’unica regione ad aver messo a gara l’intero servizio ferroviario regionale e ora possono festeggiare il rinnovo totale della flotta dei treni, che verrà completato nei prossimi mesi. Entro la fine del 2019 in Emilia Romagna circoleranno 86 nuovi treni Pop e Rock, frutto del capitolato alla base dell’asta competitiva aggiudicata a luglio del 2015 alla compagine formata da Tper, la società Trasporto passeggeri Emilia-Romagna, e Trenitalia. I pendolari emiliani, soprattutto lavoratori e studenti, potranno così viaggiare in tutta la Regione con rotabili moderni e dotati di tutti i confort.

Pochi giorni fa all’evento alla Stazione Centrale di Bologna organizzato insieme a Trenitalia per festeggiare l’arrivo dei primi treni nuovi il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha parlato di “un rinnovo straordinario di mezzi a favore di pendolari e utenti, grazie alla gara per la gestione del servizio ferroviario regionale, fortemente voluta dall’amministrazione regionale, nel segno di una mobilità sempre più sostenibile e per offrire un’alternativa concreta all’uso dell’auto privata.”

In Emilia Romagna salgono sui treni locali circa 150mila passeggeri ogni giorno, per complessive 41 milioni di presenze l’anno. Se tra il 2014 e il 2016 l’uso del treno è cresciuto del 13%, il piano della qualità dell’aria regionale prevede che al 2020 l’aumento arrivi al 20%, per ridurre la circolazione dei veicoli privati e quindi le emissioni di Co2.

“Dall’inizio del mio mandato – ha spiegato Bonaccini – abbiamo creduto fortemente nella necessità di aggiudicare la gara per l’affidamento del servizio di trasporto pubblico regionale ferroviario.  Una scelta che ci permetterà di rinnovare i treni, grazie a un piano da 750 milioni di euro nell’ambito dell’investimento complessivo di 2 miliardi attuato in questi due anni a favore della mobilità su ferrovia. Un impegno costante che intendiamo rafforzare, insieme al potenziamento del trasporto pubblico su gomma, sulla scia di misure come l’integrazione tariffaria, che ci ha portato a stanziare 6 milioni di euro l’anno per far viaggiare gratis sugli autobus in tutte le principali città dell’Emilia-Romagna gli abbonati al servizio ferroviario regionale, con un risparmio fino a 180 euro l’anno per 60mila pendolari”.

“Con l’arrivo degli 86 nuovi treni – ha aggiunto l’assessore regionale a Trasporti e Infrastrutture, Raffaele Donini – il trasporto pubblico dell’Emilia-Romagna cambia volto: siamo certi che ora risolveremo gran parte dei problemi del nostro trasporto ferroviario dovuto alla vetustà dei mezzi. Saremo la prima regione ad avere tutti i treni nuovi sulle nostre ferrovie per poter offrire ai cittadini un trasporto pubblico sempre più efficiente e competitivo, ai livelli delle migliori realtà in Europa”.

Rock è il nuovo treno regionale a doppio piano e alta capacità di trasporto, con prestazioni paragonabili a quelle di una metropolitana. Può raggiungere i 160 km/h di velocità massima e ospitare circa 1.400 persone, con oltre 700 sedute nella composizione più lunga. Pop è il nuovo treno a mono piano e media capacità di trasporto, con una velocità massima di 160 km/h, e una capienza di circa 530 persone. Rock e Pop sono riciclabili per il 96%, con una riduzione del 30% dei consumi energetici.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.