fbpx

10 Settembre 2019

Publicis Groupe Italia: una piattaforma di crescita

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il Ceo di Publicis Groupe Italia, Vittorio Bonori, racconta una trasformazione che punta a soddisfare le nuove esigenze dei clienti.

Una piattaforma di crescita e non una somma di brand, che continuano a mantenere la loro identità. Vittorio Bonori è rientrato in Italia per guidare il gruppo Publicis in una trasformazione che punta a soddisfare le nuove esigenze dei clienti, in un mercato, quello della comunicazione e dell’advertising, che sta cambiando. Due le chiavi che indica per vincere la sfida: “ridare rilevanza al rapporto tra consumatore e brand” e intercettare il potenziale di crescita fuori dalle attività tradizionali, grazie all’utilizzo della tecnologia e ai dati. Può farlo, spiega, grazie alla natura “unica” del suo gruppo: “non siamo più assimilabili alle holding di comunicazione tradizionali e non siamo neanche solo società di consulenza come Accenture o Deloitte. Siamo a metà strada”. Già all’inizio di una lunga conversazione è piuttosto esplicito nell’indicare il punto di arrivo del percorso che ha iniziato: “il nostro purpose, la nostra ragion d’essere, è rappresentare una piattaforma di crescita per i nostri clienti. Siamo ossessionati dalla crescita”.

Non è certo il primo manager a utilizzare questo slogan, e saranno ovviamente i risultati a misurarne il peso, ma Bonori mostra idee chiare. “Siamo in grado di accompagnare i clienti in tutto il loro percorso di digital business transformation, tenendo insieme creatività, dati, tecnologia e media”, dice, insistendo spesso sulla sinergia tra le diverse anime del suo gruppo. “Credo fermamente nel valore dei nostri brand. Una delle prime decisioni prese quando sono arrivato è stata quella di creare un executive team con i Ceo delle brand del gruppo, circa quindici”, racconta, evidenziando che i brand “sono di fatto ambienti che permettono di attirare clienti e talenti e custodiscono culture. E la nostra cultura è fatta di culture diverse, con ogni brand che ha una proposizione e una mission distintiva”. Bonori cita Publicis, Leo Burnett e Saatchi&Saatchi per spiegare le differenze e il valore dell’approccio ‘power of one’. “Abbiamo nominato venti direttori clienti a livello di gruppo, e questo numero è destinato a crescere. Questi client lead sono partner consulenziali e si occupano dei principali clienti con l’obiettivo di intercettare le loro problematiche di business e progettare soluzioni andando ad attivare una serie di competenze attraverso diversi brand e discipline”.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di settembre.

Puoi abbonarti al magazine in versione cartacea oppure puoi accedere alla versione digitale.

 

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.