Ora l’Unicef accetta donazioni in criptovalute

bitcoin blockchain criptovalute
Aboca banner articolo
Aboca banner articolo

La beneficienza ora si può fare anche usando criptomonete. L’Unicef, l’agenzia delle Nazioni Unite per la protezione dei bambini e dell’infanzia, ha annunciato la creazione del primo “Cryptocurrency Fund”: sarà il primo organismo dell’ONU a gestire transazioni con un fondo specializzato in criptovalute. Il nuovo fondo potrà ricevere ed elargire donazioni che saranno distribuite nella stessa valuta nella quale sono state ricevute, per sostenere progetti di tecnologia open source dedicati ai più piccoli. Dunque, da oggi potete offrire le vostre donazioni usando i vostri Bitcoin o Ether.

“Questa è una nuova ed eccitante avventure per l’Unicef – ha detto l’Executive Director dell’Unicef Henrietta Fore – Se l’economia e le valute digitali hanno la potenzialità di modellare le vite delle future generazioni, è importante per noi esplorare tutte le opportunità che ci vengono offerte. Per questo la creazione del Fondo per le Criptovalute è un passo importante nell’ambito del lavoro umanitario e di sviluppo”.

I primi contributi – si legge sul sito dell’Unicef – proverranno dall’Ethereum Foundation: “La Fondazione Ethereum è felice di dimostrare il potere che le tecnologie Ethereum e blockchain possono avere per le comunità del mondo. Insieme all’Unicef, ci stiamo muovendo per migliorare l’accesso ai bisogni elementari, ai diritti e alle risorse” ha detto il direttore esecutivo dell’ Ethereum Foundation, Aya Miyaguchi. “Il nostro obiettivo – prosegue Miyaguchi – è quello di sostenere la ricerca e lo sviluppo della piattaforma Ethereum, e di accrescere la comunità di coloro che usano una tecnologia che migliorerà innumerevoli vite e industrie negli anni a venire”.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.