31 Ottobre 2019

Dalla globalizzazione al lavoro, un festival per spiegare i temi dell’economia

Raffaele Marino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

È stato presentato nell’Aula Consiglio della Camera di Commercio di Roma il programma della terza edizione del Festival ‘Economia COME. L’impresa di crescere’, ideato dalla Fondazione Musica per Roma e dalla Camera di Commercio di Roma. La terza edizione del Festival, che si svolgerà a Roma presso l’Auditorium  Parco della Musica dall’8 al 10 novembre, prevede ventuno incontri, con economisti di fama internazionale, politici e studiosi, per avvicinare il pubblico ai nuovi scenari legati alla globalizzazione, all’innovazione tecnologica e all’organizzazione del lavoro.

Il programma della manifestazione, dedicata a ‘L’impresa di crescere’ e che nelle prime due edizioni ha registrato oltre 15 mila presenze, è stato presentato nella sede della Camera di Commercio di Roma da Aurelio Regina, presidente della Fondazione Musica per Roma, insieme a Jose’ Dosal, amministratore delegato, Lorenzo Tagliavanti, presidente della Camera di Commercio di Roma, Luca Bergamo, vice sindaco e Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro della Regione Lazio.

Economia Come

“Il Festival quest’anno ospiterà per la prima volta nella sua storia un Premio Nobel. Ospite d’eccezione sarà Joseph Stiglitz, vincitore del prestigioso premio per l’Economia nel 2001, che interverrà durante la prima giornata a partire dalla convinzione che sia necessario un maggiore equilibrio tra mercato, stato e società civile”, ha annunciato Aurelio Regina, presidente della Fondazione Musica per Roma.

Saranno presenti a Roma alcune delle più importanti membri della comunità economica e sociale, da Enrico Giovannini a Vito Mancuso, da Daniel Susskind a Carlo Cottarelli e Marcella Corsi. Nei panel anche Ferruccio de Bortoli, Giuseppe De Rita, Pasquale Tridico, Maurizio Landini, Branko Milanovic e Saskia Sassen.
I 21 appuntamenti saranno composti dai “Focus”, per analizzare le prospettive future dell’Italia, le “Frontiere” per conoscere i nuovi mercati, le “Storie”, che testimoniano le esperienze di grandi personaggi, i “Dialoghi” momenti di confronto sulle tematiche d’attualità, le “Visioni” proposte in stile lectio, permetteranno agli studiosi di discipline non economiche di avere un contatto con il mondo dell’impresa e infine, le “Grandi Interviste”, dove le grandi firme del giornalismo italiano intervisteranno personaggi della vita politica e pubblica del Paese.

Il vicesindaco di Roma, Luca Bergamo ha invitato tutti a riflettere: “il festival è di straordinaria attualità perché forse è arrivato il momento di una riflessione collettiva su questa fase storica, che a mio giudizio è sbagliata”. Dosal ha evidenziato come “tutti i soci fondatori della Fondazione Musica per Roma si sono riuniti oggi per presentare l’evento, ma soprattutto per lanciare il messaggio che lavorando come una squadra, stiamo portando avanti un progetto per la cultura a Roma”. Per Di Berardino “il programma e’ completo, interessante e sa cogliere tutti gli aspetti del sistema economico locale e nazionale”. A chiusura, Tagliavanti si è detto “certo che le personalità che arriveranno ci daranno gli spunti di cui abbiamo bisogno per orientare la crescita economica. È bello che tutto ciò avvenga a Roma, un luogo in cui le grandi questioni vengono affrontate”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.