Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
aimaa

Ue apre a massima flessibilità per il Coronavirus. Basterà?

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Le parole della presidente della Commissione Ue, Ursula Von del Leyen, e la lettera con cui il vice presidente, Valdis Dombrovskis, e il commissario agli Affari economici, Paolo Gentiloni, rispondono al ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri: l’Unione europea apre alla massima flessibilità possibile per il Coronavirus. Non è ancora la sospensione del Patto di Stabilità ma è il via libera preventivo al piano da 25 miliardi messo sul tavolo dal governo italiano. La domanda che arriva spontanea è: basterà per affrontare l’emergenza? Sì, per la ‘manovra’ prevista ad oggi; difficile, se la crisi innescata dal Covid-19 dovesse protrarsi oltre lo scenario immaginato finora.

“Massima flessibilità” nell’applicazione del Patto di Stabilità e per gli aiuti di Stato destinati a far fronte alle conseguenze del Coronavirus, ha assicurato oggi dalla presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen. “Siamo pronti ad aiutare l’Italia con tutto quello di cui ha bisogno, in questo momento è colpita severamente dal virus, sosteniamo tutto quello di cui ha bisogno e tutto quello che chiederà. Il prossimo potrebbe essere un altro Stato membro”, ha aggiunto.

Nella lettera a Gualtieri, ci sono invece, oltre all’apprezzamento “per gli sforzi straordinari” che il governo e la popolazione stanno facendo per contenere l’epidemia, la conferma che la Commissione “userà tutti gli strumenti a disposizione” per assicurare una risposta europea efficace al problema”. In questo senso, si ritiene “importante che la Commissione e gli Stati membri lavorino insieme per raggiungere l’obiettivo comune di essere sicuri che l’Europa possa superare la tempesta”. Tornando al piano italiano, si conferma che tutte le misure di spesa causate dall’evento straordinario “saranno escluse dal computo del bilancio strutturale” e “non considerate” ai fini del rispetto delle regole vigenti.

La flessibilità serve tutta. Ma potrebbe non bastare. E, allora, la Ue dovrebbe considerare la sospensione del Patto di Stabilità, con una crescita del deficit straordinaria, oltre anche il cuscinetto previsto dalle attuali regole.

Microsoft Banner Articolo
Innova Finance

Leggi anche

TTG
ttg
servier box 2
data factor
omron
pfizer

I più letti