WBF

Coronavirus, Inps la fotografia del caos che fa male

Aboca banner articolo

Tra le istantanee peggiori della crisi del Coronavirus resterà il collasso del sito dell’Inps, il 1 aprile. In una serie di schermate impazzite ci sono tutti gli elementi del caos che distrugge la credibilità del sistema pubblico: inefficienza, inadeguatezza, comunicazione sbagliata. Tutto, aggravato da una violazione della privacy che non ha precedenti e da una immagine disintegrata via social dall’hashtag #INPSdown, diventato immediatamente virale.

Doveva essere, il 1 aprile, una data simbolica. Era prevista l’apertura della finestra per presentare le domande e richiedere il bonus da 600 euro previsto dal decreto Cura Italia per i lavoratori autonomi. Una misura particolarmente attesa e dibattuta. Ma il sito dell’Istituto di previdenza è inaccessibile, da subito, e per tutta la mattina. Moltissimi utenti denunciano: stiamo vedendo i profili di altri, accediamo a dati che non sono nostri. Fino a quando, a metà giornata, arriva lo stop. Sul sito appare il messaggio ‘il servizio non è al momento disponibile’ e si ferma ogni operazione. Poco dopo, il messaggio diventa: “Al fine di consentire una migliore e più efficace canalizzazione delle richieste di servizio, il sito è temporaneamente non disponibile. Si assicura che tutti gli aventi diritto potranno utilmente presentare la domanda per l’ottenimento delle prestazioni”. Il presidente dell’Istituto, Pasquale Tridico, spiega: “Abbiamo ricevuto nei giorni scorsi, e anche stamattina, violenti attacchi hacker. Questa mattina si sono sommati ai molti accessi, che hanno raggiunto le 300 domande al secondo, e il sito non ha retto. Per questo abbiamo ora sospeso il sito”.

Domani il portale ripartirà con orari differenziati a seconda degli utenti: dalle 8.00 alle 16.000 per patronati e consulenti e dalle 16.00 per i cittadini.

È la cronaca di una giornata folle. Che rende difficile, se non impossibile, difendere scelte palesemente sbagliate. Non si poteva non prevedere che, a fronte di una comunicazione frammentata e generica, ci sarebbe stato l’assalto al sito dell’Inps. Così come è altrettanto evidente che se si vuole affidare al digitale il futuro dei rapporti tra la Pubblica amministrazione e gli utenti non si può gridare all’attacco degli hacker per risolvere il problema. Così, la credibilità della cosa pubblica, prima ancora di quella dell’Inps, viene polverizzata.

 

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
RISK 2
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
RISK 2
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.