Coronavirus: l’Europa, il tempo che passa e i proclami

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Enel 2022

Come era prevedibile, una nuova tappa interlocutoria. La riunione del Consiglio europeo serve a mettere insieme una serie di buoni propositi ma le decisioni vere, a partire dalla consistenza del Recovery Fund e la modalità per finanziarlo, restano tutte da prendere. I toni e i proclami del premier Giuseppe Conte e del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri sono giustificati dalle necessità di comunicazione. Ma la realtà, purtroppo, è ancora segnata da divergenze e negoziati difficili da condurre. Di concreto c’è l’assunto che il Recovery Fund sia “necessario e urgente” per fronteggiare la crisi innescata dal Coronavirus. Vuol dire tutto e niente. E’ un’affermazione di principio che va interamente riempita di contenuti.

 

Le parole di Conte sono una cornice. “Grandi progressi, impensabili fino a poche settimane fa, all’esito del Consiglio Europeo appena terminato”, ha scritto il presidente del Consiglio su Facebook. “Un lungo percorso, avviato con la nostra iniziativa e con la lettera dei 9 Paesi Membri, oggi segna una tappa importante: i 27 Paesi riconoscono la necessità di introdurre uno strumento innovativo, da varare urgentemente, per proteggere le nostre economie e assicurare una ripresa europea che non lasci indietro nessuno, preservando, per questa via, il mercato unico. La Commissione lavorerà in questi giorni per presentare già il prossimo 6 maggio un Recovery Fund che dovrà essere di ampiezza adeguata e dovrà consentire soprattutto ai Paesi più colpiti di proteggere il proprio tessuto socio-economico”, ha aggiunto Conte, in un video quasi ‘motivazionale’.

 

Le parole di Gualtieri, via Twitter, aggiungono poco. “Il Consiglio Europeo riconosce che il Recovery Fund è necessario e urgente e deve avere risorse significative. Un successo per l’Italia e i Paesi che hanno spinto per questa soluzione”.

 

Il successo potrà esserci se e solo se le risorse che servono saranno effettivamente stanziate e se saranno finanziate con bond emessi dalla Commissione Ue, a fronte di un ampliamento significativo del bilancio. E’ un percorso ancora lungo, rispetto al quale, per altro, non c’è alternativa.

 

La meta è ancora lontana. Come certificano le parole chirurgiche che arrivano da Angela Merkel. Tra i leader Ue non c’è accordo su come dovrebbe “essere finanziato il Recovery fund”, se “con sussidi o prestiti”, ha ammesso la cancelliera tedesca in una conferenza stampa a Berlino al termine del vertice. Sintesi ancora più netta dal presidente della Bce, Christine Lagarde: ha avvertito i capi di Stato e di governo dell’Ue che i loro sforzi per rilanciare l’economia davanti alla crisi provocata dalla pandemia potrebbero essere “troppo pochi” e arrivare “troppo tardi”.

 

Questo rischio, al netto dei proclami, è ancora concreto.

Leggi anche

BITPANDA
INFRATEL

Ultim'ora

Fortune Italia
ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.

Fortune Italia