Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
aimaa

Editoria che valorizza il lettore, l’esperimento Bookabook

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Da diversi anni l’editoria è uno dei settori più in crisi. Ma di certo anche tra quelli che hanno osato e sperimentato di più, con successi e – tanti – insuccessi. Uno degli esperimenti più interessanti in Italia è quello della casa editrice ‘Bookabook’, fondata nel 2014 da Tommaso Greco: in cinque anni ha pubblicato 250 libri, raccolto 85500 lettori e, nel 2019, ha venduto più di 50 mila copie, con una crescita del 70%. Ma cosa ha di innovativo ‘Bookabook’? Lo abbiamo chiesto a Greco e a Giulio Ravizza, uno degli autori della casa editrice, che ha pubblicato ‘L’influenza del blu’, il primo libro al mondo a esser lanciato con un filtro per Instagram, dove l’account della pubblicazione ha più di 3200 follower. Ravizza è anche un esperto digitale che in passato ha lavorato per Twitter, Amazon e eBay.

Cos’è ‘Bookabook’ e come funziona?

Greco: “È la prima casa editrice italiana che pubblica libri attraverso il crowdfunding, rendendo il lettore protagonista. Come? In modo semplice: noi vogliamo creare una comunità di lettori intorno a un libro prima che questo sia pubblicato. Lavoriamo con il passaparola. La bozza passa da lettore a lettore che in questo modo può valutarla e suggerire allo scrittore eventuali modifiche. Che poi lui può decidere se fare o meno. Il lettore può a quel punto decidere se ordinarne una copia e solo quando il manoscritto avrà raggiunto le 200 copie di pre ordine, verrà stampato per essere distribuito anche nelle librerie”.

Quali vantaggi ha per un autore pubblicare con ‘Bookabook’?

Ravizza: “Intanto c’è l’idea di creare una comunità di lettori intorno al libro che a me è sembrato molto diverso. Si lascia cadere quel concetto un po’ obsoleto della ‘torre d’avorio’. Nel mio caso, poi, si è deciso di pubblicare un estratto del libro che è stato letto da oltre 300 persone e che poi hanno contribuito alla campagna di crowdfunding. In molti mi hanno mandato suggerimenti e consigli ma ovviamente non è che li ho accettati tutti. Però è stata un’opera collettiva, possiamo dire. L’altro aspetto interessante è quello che riguarda la promozione del libro, perché fa leva su canali nuovi e innovativi. Per il mio ‘L’influenza del blu’ abbiamo scelto Instagram permettendo al lettore di entrare in una scena del romanzo, per cui viene travolto da suggestioni e ambientazioni del libro”.

L’editoria è in una fase critica. Come se ne esce?

Greco: “I dati dell’Aie (associazione italiana editori, ndr) ci dicono che ci sono due leve per vendere un libro: la notorietà dell’autore e il passaparola. Oggi per esempio ci sono i social network che permettono all’autore di farsi conoscere e al libro, attraverso i ‘book influencer’, di essere conosciuto. L’editoria dovrebbe usare di più questa realtà, perché i comodini degli italiani sono pieni di libri che non vengono letti. E allora, perché non affidarsi a chi ha dei gusti simili ai nostri? La critica letteraria si è compressa perché meno persone leggono i giornali, in compenso c’è stata una esplosione dei giudizi online”.

Ravizza: “Nel quartiere in cui abito a Milano le librerie che hanno all’interno una caffetteria son sempre piene. I librai mi dicono che vendono sia caffè che libri. Quindi, coloro che riescono a creare aggregazione e a fare gruppo riescono a proporre l’esperienza che è quella dei cafè letterari, un’esperienza che ha valore aggiunto e che si aggiunge a quella del libro: ci si dà consigli, si dibatte e crea un’esperienza laterale rispetto a quella della lettura. Bisogna quindi sommare il fisico con il digitale. E qui entrano in gioco i ‘book influencer’, le persone che creano senso di attaccamento rispetto alla storia del romanzo. Più che a vecchi metodi, bisognerebbe quindi guardare al futuro, come hanno fatto anche nel cinema, nella musica, nei videogame”.

 

SAS ARTICOLO
SAS
Microsoft Banner Articolo
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
dhl
anima 2
data factor

I più letti