Advertisement

27 Maggio 2020

Il nuovo modello di sviluppo dell’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi

Alessandro Pulcini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La grande alleanza Renault Nissan Mitsubishi ha annunciato il suo nuovo modello di sviluppo per il mercato automobilistico: come hanno comunicato i brand, ogni casa sarà leader in una singola tecnologia (con gli altri nel ruolo di ‘follower’) ma anche nelle diverse aree geografiche. Un modello “leader follower – si spiega in una nota – per migliorare l’efficienza e la competitività su prodotti e tecnologie”.

 

Per fare un esempio, in determinati casi e regioni geografiche, lo sviluppo della guida autonoma andrà a Nissan, la connettività delle auto a Renault, il plug-in ibrido a Mitsubishi. Così ”i singoli membri saranno il riferimento nelle Regioni in cui vantano punti di forza chiave, fungendo da gateway e meccanismo di supporto per la competitività dei partner”. L’obiettivo naturalmente è quello di ottimizzare i costi di sviluppo utilizzando “i migliori standard del settore come parametro di riferimento per la performance di prodotti, tecnologie e mercati”.

 

L’unione Renault, Nissan Motor e Mitsubishi Motors prevede insomma di sfruttare i vantaggi già esistenti dell’Alleanza in aree come quella degli acquisti congiunti per trarre vantaggio dalle rispettive posizioni di leadership e dai punti di forza geografici per sostenere lo sviluppo del business dei partner. Con l’adozione del piano leader-follower la speranza è di ridurre gli investimenti fino al 40% per i veicoli che rientrano appieno nel modello, benefici che si aggiungeranno alle sinergie convenzionali già disponibili.

 

I principi del piano leader-follower sottoscritti dai leader delle tre aziende prevede un potenziamento della strategia di standardizzazione dell’Alleanza, dalle piattaforme alle carrozzerie: in ogni segmento di prodotto quindi l’Alleanza si “focalizzerà” su un veicolo leader e veicoli follower progettati dall’azienda leader, con il supporto dei team dei follower, puntando a una produzione più competitiva possibile inclusa quella in raggruppamento, se necessario. Inoltre i tre brand andranno avanti con la condivisione dei prodotti nei veicoli commerciali leggeri, dove il modello leader-follower viene già applicato.

Renault, Nissan, Mitsubishi alleanza auto
epa08180379 (L-R) Mitsubishi Motors Chairman Osamu Masuko, Renault interim CEO/CFO Clotilde Delbos, Renault Chairman Jean-Dominique Senard, Nissan Motors CEO Makoto Uchida, and the Renault, Nissan, Mitsubishi Motors alliance general secretary Hadi Zablit, pose for photographers during a press briefing in Yokohama, Japan, 30 January 2020 (issued 31 January 2020). The three groups revealed on 30 January a new strategy to geographically divide responsibilities and to operate in the regions where they are strongest. EPA/JIJI PRESS JAPAN OUT EDITORIAL USE ONLY NO ARCHIVES

 

 

Al via anche le ”regioni di riferimento”, in modo che ogni azienda si concentri sulle aree nelle quali è più efficiente, così da “fungere da referenza per le altre per incrementarne la competitività”. In dettaglio, Nissan sarà il riferimento in Cina, Nord America e Giappone; Renault in Europa, Russia, Sud America e Nord Africa; e Mitsubishi Motors nell’ASEAN (Associazione delle Nazioni del Sudest asiatico) e dell’Oceania. Anche in questo caso l’obiettivo è massimizzare la condivisione dei costi fissi e sfruttare gli asset di ciascuna azienda.

 

Anche gli aggiornamenti del portafoglio prodotto delle aziende seguiranno il modello leader-follower. Ad esempio: il rinnovamento del segmento C-SUV dopo il 2025 sarà portato avanti da Nissan, mentre le future evoluzioni del segmento B-SUV in Europa saranno appannaggio di Renault; in America Latina, le piattaforme del segmento B saranno razionalizzate, evolvendo da quattro varianti ad una sola, sia per i prodotti Renault che Nissan. Questa piattaforma sarà prodotta in due stabilimenti che produrranno sia per Renault che per Nissan; nel Sudest asiatico e in Giappone, le aziende dell’Alleanza perseguiranno opportunità selezionate nell’ambito dello stesso piano, come la collaborazione sulle Keicar tra Nissan e Mitsubishi Motors.

 

Considerando tutti questi elementi nel loro complesso, entro il 2025, circa il 50% dei modelli dell’Alleanza sarà sviluppato e prodotto nell’ambito del modello leader-follower. In termini di efficienza tecnologica, i membri dell’Alleanza “continueranno a capitalizzare gli asset esistenti per garantire che ogni singola azienda possa condividere gli investimenti su piattaforme, gruppi motopropulsori e tecnologie”. Questa condivisione, si sottolinea, “che ha già dato prova di efficienza nello sviluppo delle piattaforme e dei gruppi motopropulsori, ha permesso il lancio di successo della piattaforma CMF-B per Renault Clio e Nissan Juke, nonché della piattaforma Keicar per Nissan Dayz e Mitsubishi eK Wagon. Tra breve usciranno anche le piattaforme CMF-C/D e CMF-EV”.

 

Il modello leader-follower sarà esteso dalle piattaforme e gruppi motopropulsori a tutte le tecnologie chiave, dove la leadership sarà distribuita a seconda dell’esperienza maturata e delle prospettive del mercato. Così lo sviluppo della guida autonoma sarà affidato a Nissan, mentre le tecnologie dell’auto connessa a Renault (ma in Cina a Nissan). Ai francesi anche l’E-body, il sistema centrale dell’architettura elettrica-elettronica, e l’e-PowerTrain su piattaforma CMF-A/B mentre quallo su piattaforma CMF-EV a Nissan. Infine lo sviluppo della tecnologia ibrida plug-in per i segmenti C/D sarà appannaggio di Mitsubishi.

 

Questo nuovo business model “consentirà alle aziende partner di trarre il massimo profitto dal loro know-how e competitività per rafforzare l’Alleanza nella sua interezza in un settore automobilistico globale in profonda trasformazione”. “L’Alleanza è una partnership strategica ed operativa senza pari nel mondo automotive e ci garantisce un forte vantaggio competitivo in un panorama automobilistico mondiale in continua evoluzione”, sottolinea Jean-Dominique Senard, Presidente del Comitato Esecutivo dell’Alleanza. “Il nuovo business model consentirà all’Alleanza di trarre il meglio dagli asset e dalle capacità di performance delle singole aziende, continuando nel contempo a costruire sulle rispettive culture ed eredità. Le tre aziende dell’Alleanza copriranno tutti i segmenti di veicoli e tutte le tecnologie, in tutti i Paesi, per recare vantaggio ad ogni singolo cliente, incrementando al tempo stesso le rispettive competitività, redditività sostenibile e responsabilità sociale ed ambientale”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.