Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
SAS

La Cina sta cominciando a diminuire i sussidi ai veicoli elettrici

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
tesla veicoli elettrici

Di Eamon Barrett – Venerdì scorso, il ministero delle Finanze cinese ha tagliato i sussidi per i veicoli elettrici del 20% rispetto a quelli del 2020, poiché le vendite dei cosiddetti new energy vehicles (NEV), una categoria che copre anche le auto ibride, plug-in e quelle alimentate a idrogeno, hanno ripreso slancio dopo essere precipitate durante la pandemia dell’anno scorso.

 

Le sovvenzioni cinesi per i veicoli elettrici rimborsano agli acquirenti importi diversi a seconda dell’autonomia di un veicolo – quanto lontano può viaggiare con una carica completa – ma il pagamento standard l’anno scorso è stato di circa 18.000 renminbi (2.700 dollari). Lo sconto verrà ora ridotto a circa 14.400 renminbi.

 

Il taglio dei sussidi creerà una maggiore concorrenza in un mercato già fortemente conteso, dove Tesla ha guadagnato un grande vantaggio sui rivali locali dall’apertura della sua Gigafactory di Shanghai nel 2019.

 

I sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici hanno aiutato la Cina a diventare il più grande mercato mondiale per i veicoli elettrici, rappresentando circa il 50% delle vendite globali. Pechino aveva pianificato di eliminare gradualmente i sussidi entro dicembre 2020 e ha iniziato a ritirarli nel giugno 2019, sostenendo che la produzione era diventata abbastanza economica da non giustificare più il sostegno del governo.

 

Ma mentre Pechino cercava di svezzare i consumatori, le vendite di veicoli elettrici in Cina sono rallentate, con l’industria che ha registrato per cinque mesi consecutivi vendite in calo, nell’ultima metà del 2019. Poi la pandemia ha colpito e le vendite di veicoli elettrici sono crollate di un drammatico 54% a gennaio e un 77% a febbraio.

 

L’improvviso calo ha minacciato l’obiettivo del governo: far sì che i veicoli ‘puliti’ rappresentino il 20% delle vendite di auto entro il 2025. Per riportare il mercato in carreggiata, Pechino ha esteso il sostegno alle sovvenzioni per due anni, fissando una nuova scadenza per l’eliminazione graduale del 2022. Il taglio del 20% nei sussidi annunciati venerdì fa parte di questa eliminazione graduale.

 

Quando Pechino ha concesso l’estensione, le vendite di NEV sono risalite. Secondo la China Association of Automobile Manufacturers, le vendite di veicoli elettrici in Cina (che rappresentano la stragrande maggioranza delle vendite di NEV) hanno raggiunto 1,3 milioni di unità nel 2020, rispetto agli 1,1 milioni di unità vendute nel 2019. L’associazione prevede che le vendite supereranno 1,8 milioni anno.

 

Con la crescita del mercato dei veicoli elettrici in Cina, Tesla sta gareggiando con i rivali locali cercando di mantenere la sua leadership di mercato. Domenica, la società californiana ha iniziato a prendere ordini per la sua nuova Model Y fabbricata in Cina a un prezzo inferiore. Il veicolo fabbricato in Cina costerà 339.000 renminbi (52.000 dollari), il 30% in meno rispetto a quanto annunciato da Tesla lo scorso anno. Tesla afferma che richiederà anche il sostegno dei sussidi governativi, che potrebbe far risparmiare ai consumatori ancora più denaro quando le unità verranno consegnate, a febbraio.

 

Tuttavia, i sussidi della Cina in genere si applicano solo ai veicoli con un prezzo inferiore a 300.000 renminbi (46.000 dollari) con una eccezione molto importante: quella concessa ai veicoli costruiti con la tecnologia che permette di sostituire la batteria, un processo che consente ai consumatori di sostituire facilmente la batteria dell’auto una volta che è esaurita o necessita di un aggiornamento.

 

Tesla ha abbandonato la tecnologia di sostituzione delle batterie nel 2015, scegliendo invece di concentrarsi sulla creazione di batterie con una durata maggiore. La rivale cinese Nio, tuttavia, ha posto la tecnologia di sostituzione della batteria al centro del suo modello di business.

 

La società quotata alla Borsa di New York ha affermato lo scorso giugno di aver eseguito oltre 500.000 sostituzioni di batterie e, attraverso una partnership con la China’s State Grid, Nio prevede di costruire altre 100 stazioni di scambio di batterie in tutta la Cina quest’anno, portando il totale a circa 243.

 

L’attenzione alla sostituzione della batteria consente a Nio di valutare i suoi veicoli in una categoria premium, attirando i consumatori con sconti governativi. L’EC6 prodotto da Nio simile a un SUV, ad esempio, costa fino a 368.000 renminbi (57.000 dollari), ma i consumatori potrebbero riavere 22.500 renminbi (3.500 dollari) sul prezzo dell’anno scorso, grazie al sostegno del governo.

 

Con il governo che taglia i sussidi del 20%, lo sconto viene ridotto a 18.000 renminbi ($ 2.800) quest’anno, con un prezzo dell’EC6 superiore al modello Y di Tesla.

 

SAS ARTICOLO
SAS
anima news 2
Galapagos Rubrica
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
anima news 2
dhl

I più letti