Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement

13 Gennaio 2021

Crisi di Governo, Renzi ritira i ministri

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Si apre formalmente la crisi di governo. Matteo Renzi ha annunciato le dimissioni delle ministre Teresa Bellanova, Elena Bonetti e del sottosegretario Ivan Scalfarotto. “Crisi aperta da mesi e non da noi”, sostiene il  leader di Italia viva. “Abbiamo fiducia in Mattarella”, dice, tenendo aperta la porta a diverse opzioni.

 

La politica non è un reality show

 

“Noi non giochiamo con le istituzioni, la politica non è un reality show, non si fa con le veline ma affrontando i problemi nelle sedi politiche, nelle sedi istituzionali, in Parlamento. La Costituzione non è una storia su Instagram”, afferma. “Risolviamo i problemi che si sono aperti: questa è politica. Pensare di risolverli con un post su Facebook è populismo”, continua il leader Iv, che aggiunge: “A dimettersi ci vuole coraggio e responsabilità. È molto più difficile lasciare una poltrona che aggrapparsi alla tenace difesa dello status quo”.

 

La maggioranza

 

“Se le forze politiche dell’attuale maggioranza hanno voglia di affrontare i temi, lo facciano ma senza rinviare ancora. Senza continui giochi di parole, comunicati roboanti. La democrazia ha delle forme e se non vengono rispettate allora qualcuno deve avere il coraggio di dire che il re è nudo”.

 

Mattarella

 

Renzi confida ora in Mattarella, con una “fiducia incrollabile nel presidente della Repubblica, nella sua persona e nel suo ruolo di arbitro”.

 

Gli scenari

 

“Tocca al presidente del Consiglio, noi siamo pronti a discutere di tutto, non abbiamo nessuna pregiudiziale né su formule né su nomi”. Renzi puntualizza qual è l’unico scenario non percorribile. “Noi non faremo mai i ribaltoni, non daremo mai vita a un governo con quelle forze della destra antieuropeista e sovranista che abbiamo combattuto. Questa è l’unica pregiudiziale che noi mettiamo”.

 

Lo sbocco della crisi

 

“Spetta a Conte deciderlo. Ho messo un solo paletto: no ribaltoni e no alla destra sovranista e antieuropeista. Poi, si è pronti a discutere di tutto: un governo con la stessa maggioranza, un governo tecnico oppure andare all’opposizione. Non ci interessa il nostro destino ma quello del Paese”. Ma, aggiunge, “se ci vogliono non è che ci prendono come segnaposto. Quando ci mettiamo a lavorare non ci facciamo prendere in giro”.

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.