FS Banner 900x120

Via libera al Decreto Alluvione, 4,5 mld di risorse straordinarie per fronteggiare l’emergenza

Il governo italiano ha ottenuto il via libera definitivo al Decreto Alluvione, che mette in campo risorse eccezionali e senza precedenti pari a 4 miliardi e 500 milioni di euro. Questo provvedimento è stato approvato sia dalla Camera che dal Senato e definisce gli interventi necessari per fronteggiare l’emergenza causata dal maltempo che ha colpito le regioni dell’Emilia Romagna, Toscana e Marche a partire dal primo maggio scorso.

Il decreto comprende anche misure per la ricostruzione, inclusa la nomina di un commissario ad hoc, il generale Francesco Paolo Figliuolo, che avrà una struttura speciale finanziata con 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023 e 2024, e un compenso massimo di 100 mila euro annui.

La maggioranza ha accolto con slancio questa decisione, definendo il provvedimento un aiuto tempestivo ed efficace alle popolazioni colpite dal disastro naturale. Tuttavia, il Partito Democratico ha criticato il decreto, sostenendo che sarebbero necessari almeno 9 miliardi di euro per affrontare adeguatamente l’emergenza.

La partita in Aula ha mostrato una netta separazione tra maggioranza e opposizione, con Forza Italia, Lega e Forza Italia che hanno espresso il loro supporto al decreto come una misura essenziale da prendere in considerazione. D’altra parte, il Partito Democratico, il Movimento 5 Stelle e Azione hanno ritenuto che il provvedimento fosse insufficiente e hanno criticato la gestione del governo riguardo alla prevenzione sul territorio.

Tuttavia, il decreto ha trovato il suo consenso con 102 voti favorevoli e 67 contrari, e il gruppo delle Autonomie ha espresso opinioni contrastanti con alcuni voti a favore e altri contrari.

Il provvedimento comprende diverse misure importanti, tra cui la sospensione dei termini tributari, contributivi, previdenziali e assistenziali. Inoltre, vengono sospesi i versamenti tributari derivanti dalle cartelle di pagamento, le fatture di energia elettrica, gas, acqua e rifiuti urbani, e le rate dei mutui concessi da Cassa depositi e prestiti ai Comuni e alle Province. Anche i procedimenti civili, penali e amministrativi verranno sospesi.

La relatrice Domenica Spinelli, sindaco di Coriano di Rimini per 10 anni e attualmente vicesindaco, ha enfatizzato la concretezza delle risorse messe in campo dal decreto. Tra gli stanziamenti previsti, vi sono fondi per la ripresa della regolare attività didattica nelle istituzioni scolastiche, il sostegno agli iscritti all’università, sostegno ai lavoratori dipendenti e autonomi, ai lavoratori agricoli, alle imprese e alle attività turistiche. Anche il Ministero della cultura contribuirà alla ricostruzione del patrimonio culturale distrutto, aumentando il costo del biglietto d’ingresso nei luoghi della cultura di un euro.

Il Decreto Alluvione rappresenta un importante passo avanti nell’affrontare l’emergenza causata dalle alluvioni e nel fornire aiuti tempestivi alle popolazioni colpite. Con risorse straordinarie a disposizione, il governo si impegna a sostenere la ricostruzione e la ripresa delle regioni colpite, anche in vista di un futuro più resiliente contro i cambiamenti climatici.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.