GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Giovani e politica, un amore non ricambiato in un paese che invecchia senza fine

Le elezioni regionali in Sardegna e in Abruzzo hanno confermato la disaffezione dei giovani alla politica. In troppo pochi votiamo, ci candidiamo e riusciamo a ritagliarci uno spazio dignitoso per provare ad incidere. E tutto ciò accade mentre l’Italia invecchia, si impoverisce e si isola.

L’Istituto nazionale di statistica ha elaborato un’analisi sul trend demografico del Paese. Secondo l’Istat, neanche il flusso migratorio riuscirà a compensare la perdita di 13,2 milioni di residenti entro il 2080, con conseguenze importanti sulle politiche sociali dell’Italia. Tra i trend consolidati ci sono l’invecchiamento della popolazione e la tendenza dei giovani a fare meno figli. L’Istat segnala che nel 2050 le persone con più di 65 anni potranno arrivare a rappresentare il 34% del totale.

Il rapporto tra giovani e anziani è in costante aumento, con l’indice di vecchiaia – cioè il numero di anziani ogni 100 giovani sotto i 15 anni – salito al 188% nel 2022 contro il 138% del 2005. Un incremento aggravato dalla fuga dei cervelli e dal calo delle nascite che hanno portato a creare “un debito demografico nei confronti delle generazioni future soprattutto in termini di previdenza, spesa sanitaria e assistenza”.

Secondo lo studio realizzato dal think-tank Economic Impact e supportato da Haleon, tra i leader mondiali nel settore che misura l’estensione e l’esperienza di inclusione sanitaria, esiste un netto divario generazionale anche in materia di salute.

La Gen Z si sente maggiormente esclusa dal sistema sanitario con il 45% che esprime un disallineamento fra necessità personali rispetto alla qualità dell’assistenza ricevuta. Mentre un quinto di queste due fasce generazionali (21% per Gen Z e 22% per Millennials) parla di accesso completamente negato. Ad aumentare la preoccupazione è un’indagine di Openpolis che mostra come l’incidenza della povertà assoluta tra bambini e ragazzi con meno di 18 anni sia triplicata tra il 2005 e il 2021, passando dal 3,9% al 14,2%. I giovani che restano in Italia saranno sempre più poveri.

Quindi, cosa è mancato? Un aumento degli stipendi? Scelte politiche coraggiose? La valorizzazione delle competenze nate dalle nuove professioni che spesso solo i giovani sono in grado di interpretare correttamente? Ci rendiamo conto che di questo passo inizieremo a parlare dei giovani come di una classe sociale in via d’estinzione? Dobbiamo reagire, non c’è più tempo da perdere.

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.