fbpx

25 Ottobre 2018

Ecco come trasformare l’aria in acqua

Chiara Baldi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

 

Trasformare l’aria in acqua? Ora è possibile, grazie a una tecnologia sviluppata da Sharp che la sta portando in questi giorni in Italia e in Europa, dopo averla lanciata due anni fa negli Usa, dove multinazionali come Facebook l’hanno adottata. Si chiama Skywell 5TE ed è un colonnino di circa un metro e 50 che prende l’aria dall’ambiente circostante, la filtra e la fa poi raffreddare. L’acqua poi viene condensata e in questo modo diventa acqua potabile. Grazie a tre filtri – che durano in media nove mesi e poi devono essere sostituiti da un tecnico di Sharp – vengono eliminate dall’aria la polvere, le particelle atmosferiche i batteri e qualsiasi altro tipo di impurità possa essere presente: il processo di filtrazione attraversa infatti sette stadi dell’aria e dell’acqua. In più Skywell 5TE, realizzato in acciaio, ha un sistema di monitoraggio smart che controlla continuamente ogni goccia d’acqua al fine di garantirne la purezza e la qualità alta.

“Questa tecnologia – ha spiegato Carlo Alberto Tenchini, direttore Marketing e Comunicazione di Sharp Electronics Italia – è un’alternativa ecologica sia ai dispenser di acqua che troviamo spesso negli uffici, che alle bottigliette da mezzo litro delle macchinette: oltre a essere un risparmio per l’azienda che la adotta, è anche un modo per ridurre l’utilizzo di plastica monouso”. Sharp ha calcolato che in un mese, in un ufficio di medie dimensioni, vengono bevute circa 700 bottiglie d’acqua da mezzo litro. In un anno, invece, nel mondo vengono prodotte e distribuite 480 miliardi di bottigliette, di cui solo l’11 per cento è realizzato con plastica riciclata.

Se si estende il calcolo a un ufficio di un centinaio di persone, il trasporto di acqua è di 16 tonnellate all’anno. In Italia, ad esempio, consumiamo 14 miliardi di litri di acqua imbottigliata nell’arco di un anno: se si pensa che la produzione di una singola bottiglia in PET da un litro rilascia l’equivalente di 100 grammi di anidride carbonica, è facile intuire quanto il consumo di acqua in bottiglia vada a impattare sull’ambiente. “Skywell 5TE permetterebbe a molte aziende, dalle più grandi alle più piccole, di ridurre questo spreco di plastica, evitando i tanti problemi che derivano proprio dal suo consumo”, ha detto Tenchini.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.