28 Novembre 2019

Optic, la lezione etica del Vaticano alla Silicon Valley

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Creata nel 2012 dall’ordine dei Domenicani Optic ha l’obiettivo di garantire che le tecnologie emergenti rispettino la dignità umana. L’organizzazione afferma di aver collaborato con oltre un migliaio di esperti fino ad oggi, tra cui teologi, tecnologi e accademici di settori come la sociologia e l’antropologia. Al timone c’è padre Eric Salobir, un banchiere, sacerdote e consulente di lunga data presso la Santa Sede.

“Le persone che vengono a far parte della rete sono persone interessate al nostro scopo, che è mettere l’essere umano al centro dello sviluppo di tecnologie dirompenti’, afferma Salobir. “Mettere l’essere umano al centro significa non solo [vedere una persona come] un cliente o un utente, ma un padre, un cittadino, una moglie, un dipendente. Significa considerare tutte queste dimensioni insieme e cercare di promuovere la dignità umana nel modo in cui queste tecnologie vengono utilizzate”.

Parte del lavoro di Optic prevede l’organizzazione di incontri privati ​​per leader tecnici ed esperti per discutere liberamente delle domande poste dalle tecnologie emergenti. “Essere l’amministratore delegato di una società tecnologica è super complicato perché devono affrontare sempre questi problemi etici”, afferma Salobir. “Possono essere facilmente incolpati se qualcosa va male, ma se va bene, nessuno si congratulerà con loro”.

Le riunioni di Optic possono durare fino a tre giorni e seguire la Chatham House rule, il che significa che i partecipanti sono liberi di condividere le informazioni ricevute, ma non possono rivelare l’identità di nessun altro partecipante o dei relatori presenti. Brian Green, direttore dell’etica tecnologica presso il Markkula Center for Applied Ethics della Santa Clara University, afferma di aver partecipato a uno di questi incontri quest’anno. La riunione ha previsto discussioni sull’etica dell’intelligenza artificiale e se la tecnologia centralizzerà o democratizzerà il potere, afferma Green.

“È molto utile per [i leader della tecnologia] avere uno spazio completamente vuoto solo per parlare molto liberamente di ciò che hanno in mente, delle loro preoccupazioni o delle loro domande”, afferma Salobir.

La rete di Optic fa inoltre ricerca su aree come la blockchain e il ruolo dei dati nella sanità. Salobir sottolinea un rapporto che Optic pubblicherà entro la fine dell’anno sui rischi legati all’utilizzo dell’intelligenza artificiale nel settore assicurativo, in collaborazione con accademici, autorità di regolamentazione, società tecnologiche e compagnie assicurative in Europa e in Canada. Salobir afferma che la preoccupazione è che l’intelligenza artificiale potrebbe rendere più semplice prevedere se è probabile che qualcuno si ammali e addebitare loro tassi più elevati.

“Significa che se sei fortunato, buon per te. Altrimenti, peccato. Non va bene in termini di solidarietà”, afferma Salobir. Optic ha inoltre fornito consulenza privata a governi e organizzazioni internazionali. A un certo punto, la rete stava lavorando su un incubatore di startup (che non è più attivo), e ha organizzato diversi hack-a-thon, tra cui uno che Optic ha aiutato ad organizzare lo scorso anno in Vaticano, concentrandosi sull’uso della tecnologia per affrontare dialogo interreligioso, inclusione sociale e sfide affrontate da migranti e rifugiati. Aziende come Microsoft, Salesforce e Google hanno prestato il loro supporto all’evento, che è stato benedetto dal Papa stesso.

“Non nascondiamo che l’organizzazione sia cristiana”, afferma Salobir, ma sottolinea che l’organizzazione è focalizzata sulla ricerca di un ‘terreno comune’ con le persone di qualsiasi fede. O nessuna fede.

Alla domanda su come coinvolgere i leader nella Silicon Valley atea e liberale, Salobir afferma che, anche se non sono religiosi, molti cercano un significato nel loro lavoro. “Dedicano tutto il loro tempo, tutti i loro soldi, tutte le loro energie per costruire una startup – deve essere significativo”, dice. “In caso contrario, che senso ha svegliarsi ogni mattina e lavorare così tanto?”.

È il tipo di lavoro che porta Salobir a trovare ispirazione in Giovanni Battista. “È lui che si connette”, afferma. “È lui che mette in contatto le persone”. Ci sono altri gruppi affiliati al Vaticano interessati all’impatto delle tecnologie emergenti, afferma Green. Indica accademie pontificie che ospitano, o ospiteranno, conferenze su argomenti tra cui la robotica e l’intelligenza artificiale. Lo scorso settembre, il Pontificio Consiglio della Cultura e il Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale si sono riuniti per ospitare una conferenza sul bene comune nell’era digitale che presentava leader della Silicon Valley come Reid Hoffman e rappresentanti di Facebook e Mozilla.

Ma Green afferma che Optic è in qualche modo unico nel concentrarsi sulla creazione di una relazione reciproca con l’industria tecnologica. “Non è solo che la Chiesa otterrà buone informazioni qui, ma [che] i tecnologi avranno la sensazione di beneficiare anche loro”, dice. Stanno ottenendo l’opportunità di pensare alla tecnologia in un modo che non ci avevano mai pensato prima, aggiunge Green. “È una relazione reciprocamente vantaggiosa”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.