Advertisement

2 Marzo 2020

Il ‘Pinterest’ del trading che piace a Will Smith

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

 Jeff John Roberts – Gli investitori che desiderano acquistare azioni e fare trading senza dover pagare commissioni hanno molte scelte a disposizione: startup come Robinhood e SoFi e, negli ultimi mesi, mediatori tradizionali tra cui Charles Schwab. Ma nonostante questo mercato affollato, un’altra startup (sostenuta dall’attore Will Smith e dalla star della NFL JJ Watt) crede di potersi affermare, e di riuscire ad affascinare i clienti. Questo nuovo concorrente si chiama Public, è stato presentato in anteprima a settembre e lunedì ha raccolto altri 15 milioni di dollari di investimenti guidati dalle società di venture capital Accel e Greycroft. La startup spera di distinguersi offrendo agli investitori e a chi fa trading un social media simile a Pinterest dove far conoscere agli altri quali titoli acquistano.

Un elemento chiave dell’app di Public è una bacheca che elenca chi ha acquistato o venduto azioni di varie società insieme ai commenti di quegli utenti, e altri, sul servizio. L’app offre anche feed — e la possibilità di creare community di utenti — in base agli interessi personali, ad esempio le aziende guidate da donne, o quelle impegnate nella lotta alle malattie.

Secondo Ian Sigalow, partner di Greycroft, l’elemento social offre a Public un vantaggio rispetto ai suoi numerosi concorrenti del trading online, in parte perché la condivisione virale aiuta l’azienda ad acquisire nuovi clienti gratuitamente. Ha confrontato questo modello con quello di aziende come Robinhood, che secondo Sigalow fanno affidamento su piattaforme advertising come Facebook per conquistare clienti, spesso al costo di oltre 100 dollari per utente. Sigalow ritiene che Public possa seguire le orme di uno dei precedenti investimenti di Greycroft, Venmo, il popolare servizio di pagamento peer-to-peer.

“Ciò che ha reso Venmo così speciale è stato il fatto che si trattava di un social network che si mascherava da servizio di pagamento”, ha aggiunto, dicendo che gli utenti di Public creano contenuti che portano le persone ad aprire l’app più frequentemente. Per ora, gli investitori famosi di Public, Smith e Watt, devono ancora pubblicare i loro acquisti di azioni sulla piattaforma, anche se la startup suggerisce che potrebbero farlo in futuro. Sigalow nota inoltre che la leggenda della NBA Shaquille O’Neil ha recentemente aperto un account.

L’idea di costruire un social network per azioni non è nuova. Una società chiamata eToro, ad esempio, ha conquistato milioni di clienti in Europa consentendo agli utenti di seguire e imitare le scelte di investimento di altri sulla piattaforma. eToro promuove anche i principali trader.

Tali caratteristiche sono state lente a fare presa negli Stati Uniti, tuttavia, in parte a causa dell’incertezza su come la Sec possa trattare i post sui social media, e se li possa equiparare a una consulenza sugli investimenti.

Sigalow afferma di essere sicuro che Public non incontrerà problemi normativi e che la società ha investito molto sulla compliance legale. Sottolinea inoltre che gli utenti devono effettivamente acquistare o vendere azioni per fare in modo che queste siano visualizzate come nuovi post nei feed dei social media, cosa che limita la portata degli spammer o degli aspiranti manipolatori del mercato.

Public, che ha 35 dipendenti e uffici a New York e Copenaghen, fa parte anche di un numero crescente di aziende, tra cui SoFi, che consentono ai clienti di acquistare frazioni di azioni. Sigalow afferma che questo è importante perché consente agli investitori più modesti di acquistare da aziende come Google o Amazon, i cui titoli sono scambiati a oltre 1.000 dollari. Public offre inoltre agli investitori un tasso di interesse elevato, attualmente del 2,5%, sui capitali non investiti.

La startup non ha divulgato i propri dati finanziari, ma afferma che guadagna entrate con il prestito di azioni a chi vende allo scoperto (short selling), nonché dai pagamenti ottenuti su determinati scambi. Il pubblico guadagna anche denaro dagli interessi sui saldi degli utenti.I co-CEO dell’azienda Leif Abraham e Jannick Malling non svelano quanti utenti abbia Public, che ha raccolto finora un totale di 24 milioni di dollari di investimenti. Invece, affermano che la base utenti dell’app ha registrato una crescita del 20%, di settimana in settimana.

Il pubblico ritiene che lo strumento che causerà l’aumento vertiginoso del numero di utenti è la funzione di donazione, che consente agli utenti di inviare azioni ai loro amici, anche per importi fino a 5 dollari. Tali regali, afferma Sigalow, alimenteranno una ‘viralità folle’ che aiuterà la svolta di Public in un mercato in cui i consumatori hanno un eccesso di piattaforme per acquistare azioni.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.