20 Maggio 2020

Facebook ha creato una ‘multipiattaforma’ per l’ecommerce dei negozi

Alessandro Pulcini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il colosso dei social media Facebook lancia uno strumento per lo shopping online che permette alle aziende di creare negozi online accessibili attraverso le sue piattaforme social e di messaggistica, come Facebook, Instagram e Whatsapp. Attraverso Facebook Shops, i commercianti possono anche vendere i loro prodotti attraverso il “live shopping”, che permette la vendita di prodotti durante i live-stream, ha annunciato Facebook, che per il progetto ha attivato partnership con Shopify, BigCommerce, Woo, ChannelAdvisor, Cred Commerce, Cafe24, Tienda Nube, e Feedonomics.

 

Il progetto è stato accelerato per aiutare le piccole imprese a superare la crisi del coronavirus, ha dichiarato Mark Zuckerberg, fondatore e amministratore delegato di Facebook. Ma con un processo di selezione, interazione, acquisto integrato sulla propria piattaforma, Facebook ha anche l’opportunità di approfondire la sua conoscenza dei comportamenti dei clienti, spalmati su tutti i suoi servizi, da Facebook a Instagram a Whatsapp a Messenger: le app di messaggistica potrebbero anche essere usate per effettuare direttamente gli acquisti, in futuro, e non solo per chiedere informazioni e avere il tracking delle spedizioni. Per il social network questo potrebbe essere fondamentale, perché permetterebbe di migliorare ancora di più il targeting pubblicitario, attraverso la memorizzazione delle preferenze di ogni singolo utente.

 

“Molte piccole imprese stanno fallendo, non sono sicure di come riusciranno a stare a galla”, ha detto Zuckerberg, aggiungendo che molte stanno passando sull’online per la prima volta. Alle aziende non verrà addebitato alcun costo per la creazione di negozi. Dovranno pagare le spese per i servizi di cassa e di pagamento, ma l’attività principale per Facebook sono gli annunci, ha confermato Zuckerberg. Facebook guadagna quasi esclusivamente con la pubblicità, e la piattaforma di shopping darà a Facebook l’accesso ai dati sul comportamento dei clienti. “Poiché il flusso è nei nostri servizi, vedremo con quali negozi interagite, quali prodotti vi interessano, cosa acquistate, ecc”. Ma non è prevista l’introduzione di una funzione per condividere queste informazioni con gli amici degli utenti: solo l’utente, il negozio e Facebook avranno accesso, ha detto Zuckerberg.

lintegrazione con la messaggistica di Facebook Shops
Integrazione con la messaggistica di Facebook Shops – Courtesy Facebook

 

Tuttavia, i dati potrebbero dare al social media l’opportunità di affinare ulteriormente la sua capacità di indirizzare i clienti pubblicitari, cioè normalmente le aziende che offrono i loro prodotti, verso i consumatori giusti. Molti meccanismi della nuova piattaforma, come il riconoscimento dei prodotti solo dall’immagine, saranno regolati dall’intelligenza artificiale, anche se ancora non si conoscono le tempistiche: questo potrebbe consentire ai nuovi negozi di creare un catalogo semplicemente caricando la foto di un prodotto, riconosciuta immediatamente dal sistema, che si chiama GrokNet e che è stato già sperimentato con alcune funzioni di Marketplace. Inoltre sempre l’intelligenza artificiale potrebbe creare visuali a 360 gradi dell’oggetto anche con 2-3 foto. L’utilizzo dei dati potrebbe preoccupare gli utenti, dato che Facebook ha dovuto affrontare le pressioni del pubblico e dei governi mondiali sulla sua gestione dei dati ed è stato multato per violazione della privacy in diversi paesi.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.