Advertisement

12 Agosto 2020

Il ritorno alle origini di Google Shopping

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Di Danielle AbrilIl coronavirus ha aiutato il già gigantesco business di e-commerce di Amazon. Ora un altro colosso tecnologico spera di poter avere fortuna. Google ha passato gli ultimi 18 anni a tentare, senza riuscirci, di diventare uno dei principali attori dell’e-commerce. Potreste ricordarvi di Froogle, il sito web di confronto dei prezzi dell’azienda che ha rappresentato un suo primo tentativo, nel 2002. Da allora, Google ha lanciato una serie di iniziative sporadiche, tra cui la consegna in giornata da parte dei negozi locali e inserzioni a pagamento per i venditori nella sezione shopping del motore di ricerca. Niente di tutto questo ha fatto presa.

 

Ma alla fine dell’anno scorso, la società ha portato a casa un grande assunzione: Bill Ready, l’ex direttore operativo di PayPal. Gli ha consegnato il controllo di acquisti, viaggi, realtà aumentata e Lens, il software di riconoscimento delle immagini di Google. La sua strategia? Rimuovere tutte le commissioni e le complicazioni per i venditori che Google aveva creato e tornare alle origini: servizi gratuiti supportati da annunci. “È stato un ritorno alle basi per Google”, mi ha detto.

 

Sotto la guida di Ready, Google ha eliminato le commissioni che i venditori dovevano pagare in precedenza per apparire nella scheda shopping di Google e nelle ricerche. L’idea è di aprire i servizi a più commercianti e mercati, indipendentemente dalle loro dimensioni. La società ha anche eliminato le commissioni che prendeva dalle aziende che utilizzavano la sua funzione di pagamento e aggiunto PayPal e Shopify come scelte di terze parti invece di costringere i venditori a utilizzare l’elaborazione dei pagamenti creata da Google.

 

E per rendere più facile per i venditori passare ad altri servizi, ad esempio Amazon, Google ha iniziato ad accettare inserzioni in formati digitali di uso comune. “Una delle cose che stiamo cercando di chiarire è che non siamo il rivenditore”, ha detto Ready. I primi segnali sono promettenti, ha detto. Il numero di clic degli utenti che hanno visualizzato la nuova scheda shopping, che consente inserzioni gratuite, è stato superiore del 74% rispetto a quelli che non avevano ricevuto l’accesso alla fine di aprile, secondo Google.

 

Ma Google ha ancora molta strada da fare per diventare uno dei principali attori dell’e-commerce. E Ready sa che questo è solo l’inizio. A marzo, appena due mesi dopo l’arrivo di Ready in Google, il coronavirus ha rapidamente modificato il panorama degli acquisti. Lo shopping online, come industria, è esploso mentre le persone rimanevano a casa. “È interessante notare che quello che volevamo fare … non è cambiato affatto”, ha detto Ready. “Ma ‘l’urgenza è assolutamente cambiata’. Nemmeno un anno dopo l’inizio del mandato di Ready, molto è cambiato per Google Shopping. Ma sarà questa finalmente la strategia vincente?

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.