21 Ottobre 2019

C919, l’aereo cinese costruito con progetti rubati all’estero

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Robert Hackett – L’aereo di linea C919, un jet sviluppato dalla società aerospaziale cinese Comac, rappresenta l’ambizioso tentativo da parte della Cina di creare un campione nazionale per contrastare gli stranieri Boeing e Airbus. Ma secondo le stime dei segugi della società di investigazioni informatiche CrowdStrike (contenute in un nuovo rapporto che integra precedenti accuse federali), l’aereo cinese ha anche beneficiato di un grosso furto di proprietà intellettuale,  voluto dalla stessa Pechino.

The fourth prototype 001E of China’s domestically-developed large passenger jet C919 of COMAC (Commercial Aircraft Corporation of China) flies during its test flight at a base in Dongying city, east China’s Shandong province, 7 September 2019. (Imaginechina via AP Images)

Dal 2010 al 2015, si dice che una vasta schiera di ‘ladri’ – funzionari dell’intelligence presso il Ministero della Sicurezza dello Stato cinese, hacker, ricercatori di sicurezza e spie del mondo corporate – si sia infiltrata in fornitori esteri, tra cui GE, Honeywell, la francese Safran e altri. L’intenzione apparente del gruppo era quella di rubare le tecnologie pertinenti allo sviluppo del C919, come i progetti per una nuova turbofan – una ‘turboventola’ – e altri componenti. È “molto probabile”, scrivono i ricercatori di CrowdStrike, che i produttori di un particolare motore di fabbricazione cinese, il CJ-1000AX, “abbiano beneficiato in modo significativo degli sforzi di cyber spionaggio” del Ministero della Sicurezza dello Stato della Cina, “facendo così un salto in avanti di diversi anni (e potenzialmente risparmiando miliardi di dollari) nella progettazione”.

Il rapporto è un indicatore molto importante per capire i sotterfugi economici di Pechino. Descrive in dettaglio come la Cina “utilizza un sistema ‘multiforme’ composto da trasferimento tecnologico forzato, joint venture, furto fisico di proprietà intellettuale da parte di addetti ai lavori e cyber-spionaggio per acquisire le informazioni di cui ha bisogno” per scavalcare i concorrenti.

Il motore turbofan è solo un esempio del probabile saccheggio di segreti commerciali che ex funzionari statunitensi hanno definito “il più grande trasferimento di ricchezza nella storia”. Tali violazioni rimangono un importante punto di contesa tra Cina e Stati Uniti, poiché  tra un’interruzione e l’altra continuano i colloqui commerciali sui dazi. Il tragitto per arrivare a un accordo passa anche dal confronto sul tema dei furti e dello spionaggio.

comac c919 cina spionaggio dazi
Visitors experience the C919 model, a narrow-body twinjet airliner at the 2019 ZGC Forum in Beijing, China, 16 October 2019. 2019 ZGC Forum – Cutting-edge Technology and Future Industries takes off in Beijing, China, 16 October 2019. (Imaginechina via AP Images)

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.

FORTUNE Biogen_LupoRaccontaSMA_300x250