CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

SoftBank ha salvato WeWork. Cacciando il fondatore

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Adam Neumann WeWork SoftBank
Aboca banner articolo

Da 47 mld di dollari a neanche 8. Da ‘quasi unicorno’ del mercato americano (e rivoluzionario strumento di smart working) a gigante malato.I termini del piano di salvataggio da 9,5 miliardi di dollari di WeWork da parte di SoftBank riassumono perfettamente il paradosso attraversato negli ultimi mesi dal colosso del co-working e degli uffici condivisi.

Innanzitutto bisogna ricordare che WeWork è stato in grado di raccogliere capitali sulla base di una valutazione di 47 miliardi di dollari, a gennaio 2019; ora, dopo un disastroso tentativo di quotazione, viene valutato meno di 8 miliardi. A iniettare le risorse accettate da WeWork, poi, è stato Softbank, conglomerato giapponese già azionista della società, che salirà così all’80% del capitale.

Il piano prevede un nuovo finanziamento da 5 miliardi, l’offerta di rilevare fino a 3 miliardi di dollari di azioni dagli attuali azionisti e l’impegno ad accelerare un prestito da 1,5 miliardi in modo da fornire WeWork, si legge in una nota, “liquidità significativa per accelerare il cammino della società verso la redditività e flussi di cassa positivi”. Secondo il Financial Times è previsto un taglio di 4mila dipendenti, con la prossima riorganizzazione: il 30% della forza lavoro. Il piano a cui Softbank ha già iniziato a lavorare prevede che la società si concentri su tre mercati – gli Stati Uniti, l’Europa e il Giappone – accantonando per ora le ambizioni in India, Cina e America Latina.

L’accordo prevede che il fondatore di WeWork Adam Neumann lasci il cda per essere rimpiazzato dal presidente esecutivo di Softbank Marcelo Claure. A Neumann andranno 1,2 miliardi di dollari per le sue azioni, 185 milioni di ‘consulting fee’ e un finanziamento da 500 milioni. Una consolazione abbastanza sostanziosa, considerati gli episodi di cui si è reso protagonista Neumann, che ha fondato l’azienda nove anni fa e che tra l’altro è indicato come fattore fondamentale per il disastro dell’Ipo fallita di WeWork.

Neumann è infatti stato costretto ad abbandonare il ruolo di amministratore delegato pochi giorni dopo la retromarcia della società a Wall Street. Un’operazione accantonata in seguito allo scetticismo e ai dubbi degli investitori su WeWork e su Neumann stesso, leader ritenuto incontrastato e troppo potente. Salito alle cronache per aver fumato marijuana a bordo dell’area della società e famoso per le sue feste a base di tequila, Neumann è stato il promotore della bozza iniziale di documentazione per l’initial public offering, nella quale si precisava che le azioni nelle sue mani avevano diritti di voto 20 volte superiori a quelle ordinarie, che la moglie in caso di morte avrebbe potuto dire la sua sul successore e soprattutto che il consiglio di amministrazione di WeWork non avrebbe incluso donne. Requisiti contestati duramente e ‘corretti’ nel secondo prospetto presentato. Richieste che hanno complicato la posizione di Neumann, ora costretto ad abbandonare, definitivamente, la sua WeWork.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.