13 Novembre 2019

Terna, in 9 mesi ricavi a 1,66 mld “grazie agli investimenti sulla rete”

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

È stata “l’accelerazione degli investimenti sulla rete di trasmissione nazionale” a consentire a Terna i numeri in crescita dei primi nove mesi del 2019: ricavi a 1,66 mld di euro (+3,8%), un utile netto di gruppo a 552,5 mln di euro (+2%) e investimenti a 670 mln (+19,3%). A spiegarlo è lo stesso Ad, Luigi Ferraris, che tra i fattori chiave dei risultati elenca “sostenibilità e dialogo con il territorio, innovazione e digitalizzazione”.

Tutti “fattori abilitanti che uniti alle persone e al know-how industriale ci permettono di affrontare le sfide derivanti dalla transizione energetica. I solidi risultati raggiunti nel periodo, unitamente alle incisive azioni manageriali avviate, ci consentono di proseguire per l’intero anno nel percorso virtuoso di crescita dei risultati del gruppo”. I ricavi inoltre sono in crescita grazie all’incremento dei ricavi del settore regolato Italia, unito al contributo di quello non regolato, in particolare per l’andamento degli ordini di commesse del gruppo Tamini, e ai risultati delle attività in concessione in Brasile. E ora il cda propone anche un acconto sul dividendo 2019 pari a 8,42 centesimi di euro per azione.

L’Ebitda (margine operativo lordo) del periodo si attesta a 1,27 mld di euro, in crescita del 3,9% mentre l’Ebit (risultato operativo) del periodo, a valle di ammortamenti e svalutazioni pari a 436,2 milioni di euro, si attesta a 842,2 milioni di euro, in aumento dell’1,5%. L’indebitamento finanziario netto si attesta a 8,25 mld di euro, rispetto a 7,89 mld di euro al 31 dicembre 2018.

Tra i principali progetti del periodo Terna segnala gli avanzamenti dei cantieri per le interconnessioni elettriche Italia-Francia e Italia-Montenegro; gli interventi per le stazioni di Belcastro e del Brennero; i rinforzi della rete nell’area Foggia-Benevento e la razionalizzazione della rete elettrica dell’area metropolitana di Roma. Quanto al prossimo futuro, Terna sarà impegnata nella realizzazione di quanto previsto nel piano strategico 2019-2023 imprimendo “una forte accelerazione alle attività di investimento con il focus sullo sviluppo della rete di trasmissione nazionale per favorire l’integrazione delle fonti rinnovabili, migliorare la sicurezza del sistema e, al tempo stesso, accelerare il rinnovo degli asset con l’obiettivo di mitigare i rischi di interruzioni di servizio, supportare la manutenzione mediante il ricorso a tecnologie di digitalizzazione della rete e aumentare la sostenibilità ambientale”.

Per quanto riguarda le attività internazionali, le attività del gruppo saranno focalizzate sulla gestione e manutenzione delle linee brasiliane entrate in esercizio tra la fine del 2018 e il primo semestre 2019 (rispettivamente Santa Maria Transmissora de Energia e Santa Lucia Transmissora de Energia) e sulla realizzazione dei progetti esistenti in Uruguay e Perù, per i quali l’esecuzione procede nei tempi previsti.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.