Advertisement

14 Gennaio 2020

Le proteste dei commercianti indiani contro Bezos e Amazon

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Di Saritha Rai (fortune.com/Bloomberg) – Jeff Bezos, fondatore di Amazon, sarà probabilmente accolto da proteste senza precedenti durante la sua breve visita in India questa settimana, dopo che migliaia di piccoli rivenditori locali si sono impegnati a protestare contro i suoi prezzi e le sue vendita esclusive. L’amministratore delegato di Amazon dovrebbe presiedere alla sessione inaugurale dell’evento di Amazon India per le piccole e medie imprese – ‘smbhav’ – che inizierà mercoledì a Nuova Delhi. Il miliardario dovrebbe salire sul palco per chiacchierare con il capo di Amazon India Amit Agarwal, dando risalto a un evento che vede protagonisti anche la co-fondatrice di Infosys, Narayana Murthy e il miliardario della vendita al dettaglio Kishore Biyani, che ha recentemente venduto una partecipazione nel suo gruppo ad Amazon .

La visita di Bezos sottolinea la crescente importanza dell’India per la sua azienda. La competizione sta crescendo a livelli record: l’uomo più ricco dell’Asia, Mukesh Ambani, si prepara ad andare online con JioMart, e il Flipkart di Walmart è pronto a radicarsi nel mercato. Eppure il risentimento sta crescendo verso il tradizionale approccio di riduzione dei prezzi di Amazon. Più di mezzo milione di commercianti che rappresentano migliaia di organismi commerciali raggruppati sotto la ‘Confederation of All India Traders’, Cait, hanno in programma di organizzare sit-in e manifestazioni pubbliche in 300 città per protestare contro la visita di Bezos, ha detto il gruppo.

“Avremo massicce proteste in tutto il Paese e la nostra più grande manifestazione sarà a Delhi, dove abbiamo chiesto il permesso della polizia di Delhi di protestare al di fuori del luogo dell’evento di Bezos”, ha detto a Bloomberg Praveen Khandelwal, segretario generale del CAIT.

I commercianti prevedono di ribattezzare il 15 gennaio – il giorno dell’evento di Amazon in India – ‘National Protest Day’ e chiedono che Amazon e altri rivenditori online rispettino le nuove linee guida che vietano forti sconti e offerte esclusive solo online. CAIT rappresenta oltre 70 milioni di piccoli commercianti che controllano più di nove decimi del commercio al dettaglio in un Paese in cui i retailer e la grande distribuzione devono ancora penetrare oltre le grandi città.

“Bezos e Amazon hanno già distrutto molte piccole aziende e ora stanno cercando di costruire una falsa narrativa a vantaggio dei piccoli rivenditori”, ha detto Khandelwal durante un’intervista telefonica da Delhi.

L’ultima visita di Bezos in India è avvenuta nel 2014 in circostanze nettamente diverse. Durante la visita, Bezos indossava abiti festivi indiani, cavalcava circondato da fotocamere un carro decorato fuori dal quartier generale di Amazon India e presentò alla sua unità indiana un assegno gigante per 2 miliardi di dollari. Da allora, Amazon ha impegnato altri 3,5 miliardi di dollari per espandersi nel paese. Il mercato indiano del commercio elettronico dovrebbe raggiungere i 150 miliardi entro il 2022 da 38,5 miliardi nel 2017, secondo la India Brand Equity Foundation del governo.

Ma l’influente CAIT ha intrapreso una battaglia contro i protagonisti del commercio online – in particolare Amazon e Flipkart – accusandoli di usare i loro fondi infiniti per offrire sconti su tutto, dagli smartphone all’abbigliamento. Entrambi i rivenditori hanno negato le accuse e hanno risposto assumendo migliaia di artigiani, donne imprenditrici e piccoli venditori. Bezos ha cercato di organizzare incontri con funzionari governativi per discutere delle sfide politiche.

amazon india proteste
NEW DELHI, Nov. 21, 2019 Indian traders hold placards as they shout slogans during a protest in New Delhi, India, Nov. 20, 2019. Indian traders on Wednesday staged a countrywide protest against leading e-commerce giants Amazon and Flipkart.. The protest was held against what the traders described ”unethical trade practices” carried out by Amazon and Flipkart.. The main protest was held at Sadar Bazar in Delhi, the Indian capital city, where dozens of traders staged a sit-in protest. (Credit Image: © Javed Dar/Xinhua via ZUMA Wire)
“I commercianti sono infuriati per il fatto che Amazon e i suoi colleghi stiano utilizzando denaro straniero e venture capital per finanziare gli sconti”, ha dichiarato Sachin Taparia, amministratore delegato della piattaforma sociale della comunità di New Delhi LocalCircles. “L’India ha bisogno degli investimenti stranieri e dei posti di lavoro che porterà e deve essere vista come un grande business”, ha dichiarato Taparia. “D’altra parte, il partito al potere deve garantire che i commercianti che formano la sua base di supporto politico ed elettorale non siano turbati”.

Circa un anno fa, l’India ha inasprito le sue regole di e-commerce, vietando ai rivenditori online di detenere quote nei singoli venditori, portando a un forte potere sull’inventario, attraverso forti sconti o accordi esclusivi con i marchi. In seguito alle modifiche, sia Amazon che Flipkart hanno ristrutturato le loro unità locali.

Bezos ha inoltre in programma di incontrare celebrità indiane dell’industria cinematografica di Bollywood a Mumbai mentre Amazon si prepara a investire pesantemente in contenuti per il pubblico indiano. Nel frattempo, il Cait ha cercato un incontro con il Primo Ministro Narendra Modi “per mettere le cose a posto”, ha affermato Khandelwal. “Non abbiamo ricevuto risposta dall’ufficio del primo ministro e apprendiamo da fonti affidabili che finora Bezos non ha ancora avuto un appuntamento”.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.