Advertisement

5 Luglio 2020

Quando i soldi della cig non arrivano 

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Storie di lavoratori lasciati soli e senza un euro. In Lombardia, secondo i sindacati, sono il 30% di quelli che hanno avuto accesso alla Cig. La versione completa di questo articolo, a firma di Chiara Baldi, è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio/agosto.
 

Si chiamano Sondra, Antonio, Giulia, Marino, lavorano in aeroporti, ristoranti, negozi di abbigliamento, negli hotel. Hanno figli, figlie, mariti, moglie, oppure sono single e devono trovare da soli un modo per uscirne: i genitori, i nonni, magari qualche amico che presta loro cinquanta euro per fare la spesa. Vivono perlopiù nella bergamasca, una delle zone più colpite d’Italia dall’emergenza Coronavirus. Le loro giornate sono state scandite dalle sirene delle ambulanze e dal suono delle campane delle chiese che suonavano a morto: oltre seimila i morti per Covid in soli due mesi, una strage, in una delle province più benestanti d’Italia. Sono persone che dal lockdown di marzo alla riapertura di metà maggio hanno passato gran parte del loro tempo in casa, cercando di mettere via i pochi soldi che arrivavano, centellinando sapientemente quello che avevano. Sondra, Antonio, Giulia e Marino sono lavoratori del commercio in attesa della Cig. In Lombardia, una delle regioni più ricche d’Italia ma anche quella in cui il Covid ha colpito più duramente, questo tipo di ammortizzatore sociale – che si applica alle categorie del commercio, grande distribuzione organizzata, turismo, logistica e altre – riguarda circa 430mila lavoratori, secondo la stima della Filcams Cgil regionale. Di questi, circa 200mila lavoratori sono stati messi in cassa in deroga e lo sono tutt’ora: “Ma è una stima prudenziale, la nostra”, spiega Mario Colleoni, 38 anni, da sei segretario regionale della Filcams di Bergamo e da un anno e mezzo membro della segreteria regionale del sindacato.

 

La versione completa di questo articolo, a firma di Chiara Baldi, è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio/agosto. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.