CDP3Advertisement
CDP4Advertisement
WBF

GameStop, ecco i giganti di Wall Street più colpiti dai piccoli trader

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Aboca banner articolo

Di Fortune.com/Bloomberg – Per una volta, qualcuno ha battuto Wall Street. Nel giro di poche settimane, due leggende degli hedge fund – Steve Cohen e Dan Sundheim – hanno subito gravi perdite a causa dei trader amatoriali che si sono uniti per andare a colpire alcuni degli investitori più sofisticati del mondo. Nel caso di Cohen, lui e un altro gigante, Ken Griffin, alla fine sono corsi in soccorso di un terzo grande investitore, Gabe Plotkin, il cui fondo d’investimenti è stato colpito duramente.

 

Spinte dal frenetico trading sulle azioni di GameStop e di altri titoli su cui hanno scommesso gli hedge fund, le perdite subite negli ultimi giorni sarebbero state tra le peggiori mai registrate, per queste figure leggendarie di Wall Street. Point72 Asset Management di Cohen è scesa dal 10% al 15% finora, questo mese, mentre D1 Capital Partners di Sundheim, uno dei fondi più performanti dello scorso anno, è sceso di circa il 20%. Melvin Capital, la società di Plotkin, è arrivata a perdere almeno il 30%.

 

È una svolta umiliante per i titani degli hedge fund, che nel 2020 sono riusciti a domare i mercati nonostante la pandemia. Ma quella stessa crisi ha contribuito a spingere migliaia se non milioni di investitori ‘retail’, cioè i piccoli trader, nel mercato azionario statunitense, creando una nuova forza che per ora i professionisti non sembrano riuscire ad arginare.

 

Ad assediare i fondi c’è infatti una folla di trader che utilizza il canale r/wallstreetbets di Reddit per coordinare i propri attacchi, che sembrano essere sempre concentrati sui titoli venduti allo scoperto dagli hedge fund. Il più importante di questi titoli è GameStop, rivenditore di videogiochi in difficoltà il cui titolo è salito di oltre il 1.700% questo mese, ma ci sono anche le azioni di AMC Entertainment Holdings Inc. e Bed Bath & Beyond Inc.

 

Le conseguenze si stanno probabilmente diffondendo in tutto il settore degli hedge fund, con voci insistenti di pesanti perdite in più aziende. Il Goldman Sachs Hedge Industry VIP ETF, che traccia le azioni più popolari degli hedge fund, è crollato del 4,3% mercoledì: la sua peggior giornata da settembre.

 

Negli scorsi giorni i gestori di fondi hanno coperto le loro vendite allo scoperto in perdita tagliando le scommesse rialziste su altri titoli. In questo periodo, il flusso di denaro tolto dal mercato dai fondi ha raggiunto il livello più alto dall’ottobre 2014, come mostrano i dati raccolti dall’unità di prime brokerage di Goldman.

 

D1, che è stata fondata nel 2018 e aveva circa 20 miliardi di dollari di asset all’inizio dell’anno, è stata colpita duramente dagli attacchi perché le società private rappresentano circa un terzo delle sue partecipazioni e l’azienda ha dovuto ridurre la sua esposizione, secondo le persone che hanno familiarità con la questione. Il fondo è chiuso a nuovi investimenti e non ha intenzione di aprire per ulteriori capitali, ha detto una di quelle persone, chiedendo di non essere nominato perché tali decisioni sono riservate.

 

La perdita di D1, descritta da persone informate sulla situazione, è in netto contrasto con il guadagno del 60% raccolto durante la pandemia dello scorso anno.

 

Lunedì Melvin ha ricevuto un’iniezione di denaro senza precedenti dai suoi colleghi, ricevendo 2 miliardi di dollari da Ken Griffin, dai suoi partner e dagli hedge fund che gestisce con il broker Citadel, e 750 mln di dollari dal suo ex boss, Cohen.

 

“I post sui social media sulla bancarotta di Melvin Capital sono categoricamente falsi”, ha detto un rappresentante. “Melvin Capital si concentra sulla generazione di rendimenti di alta qualità per i nostri investitori, e apprezziamo il loro sostegno”.

 

Fino a quest’anno, Plotkin, 42 anni, aveva uno dei migliori andamenti tra i vari collezionisti di azioni degli hedge fund. Ha lavorato per Cohen per otto anni ed era stato uno dei suoi maggiori ‘produttori di denaro’ prima di lasciare il suo ruolo per fondare Melvin. Secondo un investitore, ha registrato un rendimento annualizzato del 30% dall’apertura del fondo, terminando lo scorso anno con un aumento di oltre il 50%.

 

Un altro fondo, quello da 3,5 miliardi di Maplelane Capital, ha perso circa il 33% da questo mese fino a martedì, in parte a causa di una posizione corta su GameStop, secondo gli investitori.

 

I rappresentanti di Point72, D1 e Maplelane hanno tutti rifiutato di commentare.

 

Le difficoltà in alcuni dei più grandi hedge fund potrebbero aver contribuito al calo del 2,6% di mercoledì dell’indice S&P 500, il peggior calo da ottobre. Una teoria alla base del declino è che i fondi stiano vendendo le loro posizioni lunghe per ottenere il denaro necessario per coprire e chiudere quelle corte.

 

Tra tutti i finanzieri vittima dei piccoli trader, Cohen, 64 anni, è forse quello più noto al grande pubblico. Il nuovo proprietario dei New York Mets, il cui fondo ha guadagnato il 16% nel 2020, è diventato una figura di caratura nazionale dopo aver battuto la concorrenza di Jennifer Lopez e Alex Rodriguez per acquistare il club di baseball.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
WBF
A2A

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.