8 Novembre 2019

La settimana, storie e analisi: la sconfitta di un sistema

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Questa è la versione web della newsletter settimanale di Fortune Italia. Ci si può registrare qui. Questa settimana:

Le conseguenze (non solo economiche) della scomparsa degli sportelli bancari; la vetrina per startup (sempre più italiana) del Web summit di Lisbona; la cacciata di Steve Easterbrook da McDonald’s; i conti in banca sempre più sostanziosi dei ‘tech billionares’.

Stiamo lavorando al Forum Sostenibilità, che si terrà il 21 e 22 novembre: potete registrarvi qui.

Il nuovo numero di Fortune Italia è appena arrivato in edicola: la copertina è dedicata al vino e a tre storie d’impresa che uniscono innovazione e capitalismo familiare.

Fortune Italia cover novembre 2019
Fortune Italia cover novembre 2019

L’opinione

Di Fabio Insenga

Difficile riuscire a salvare qualcuno o qualcosa. La vicenda dell’Ilva, con il passare delle ore, si sta trasformando nella sconfitta, clamorosa, di un intero Sistema. Nel drammatico negoziato che riguarda la sorte di migliaia di lavoratori e di una quota rilevante della nostra capacità industriale, ci sono responsabilità chiare di una multinazionale come ArcelorMittal, della politica, delle Istituzioni e dei sindacati. L’errore da non fare, però, è quello di generalizzare. Il rischio è quello di appiattire ogni giudizio e ogni valutazione, finendo per ridimensionare gli errori, annacquandoli in una mediocrità diffusa. ArcelorMittal, intanto, attua un piano elaborato già da mesi e concretizzato anche nella scelta di un amministratore delegato, Lucia Morselli, abituata a non fare sconti a nessuno per soddisfare le aspettative degli azionisti che la pagano.

Trovate qui l’opinione integrale.
f.insenga@magentamedia.it

Le altre storie della settimana

Dall’edicola

Imprenditori del vino, dalle Langhe all’Etna

Nell’ultimo numero di Fortune Italia raccontiamo tre realtà del vino italiano, che hanno degli evidenti tratti in comune: Paolo Damilano, Giovanni Folonari e Alberto Tasca valorizzano tre territori diversi (Piemonte, Toscana e Sicilia) ma condividono la gestione caratteristica del capitalismo familiare e anche una importante propensione all’innovazione, all’aggiornamento del proprio modello di business.

 

Banche

La scomparsa silenziosa degli sportelli bancari

 

Senza tanti clamori e ‘grida di dolore’, i quartieri, centrali e periferici, delle nostre città stanno cambiando volto per la scomparsa silenziosa di uno dei loro protagonisti degli ultimi 25 anni: gli sportelli bancari. Secondo i dati di Bankitalia, sono sparite 9mila filiali negli ultimi 10 anni. Una trasformazione che ha conseguenze non solo economiche.

 

Startup

Web Summit: chi sono e cosa fanno le startup italiane presenti

Il mondo dell’innovazione e della tecnologia si è incontrato a Lisbona, per la decima edizione del Web Summit, mecca per tutti gli startupper che vogliono far conoscere al mondo la propria impresa: possono incontrare investitori e accedere a un’opportunità di visibilità unica. E quest’anno la presenza delle startup italiane è aumentata vertiginosamente.

 

Imprese

Relazione con una dipendente, via il Ceo della ‘svolta’ di McDonald’s

Al suo arrivo sulla poltrona di Ad l’azienda aveva appena messo a segno una delle peggiori performance finanziarie della sua storia e la crisi era al culmine. In quattro anni Easterbrook, ormai ex Ceo di McDonald’s, è riuscito quasi a raddoppiare il valore del titolo. Non ha risolto il problema della scarsa affluenza nei ristoranti, certo, ma la decisione di mandarlo via ha comunque colpito per il rigore dimostrato dal gigante del fast food.

 

Economia

I miliardari diventano più ricchi ogni anno (nonostante la beneficenza)

Andando a guardare l’indice di Bloomberg, possiamo vedere come praticamente tutti i ‘tech billionaires’ nei primi posti della classifica miliardari abbiano aumentato il proprio patrimonio nell’ultimo anno. Devolvere milioni in beneficenza (o miliardi, come nel caso di Bill e Melinda Gates) non gli impedisce di essere comunque ancora più ricchi. Mentre pagano sempre meno tasse.

Notizie Adnkronos

– Dal cassonetto alla differenziata, ecco come è cambiata la raccolta

– Nasce Rio, la piattaforma dedicata alla sostenibilità aziendale

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.

FORTUNE Biogen_LupoRaccontaSMA_300x250