Advertisement

3 Luglio 2020

La settimana, storie e analisi: da che parte stiamo?

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Notizie, approfondimenti e commenti della newsletter di questa settimana (ci si registra qui): Il nuovo numero di Fortune Italia; da che parte stiamo; la startup dei taxi acquistata da Amazon; i numeri di Airbnb; lo stato del Venture capital; la strategia di Generali.

 

La prossima settimana si terranno due dei nostri e-meeting. Per il progetto Ricostruzione parleremo di innovazione finanziaria, martedì 7 luglio. Il 9 luglio, invece, abbiamo organizzato l’evento BIC Convention, pensato per celebrare i risultati dei team della comunicazione delle 14 aziende che riceveranno il riconoscimento “Best in Media Communication” per il lavoro svolto nel 2019.

 

Continuano anche le interviste: questa settimana per il ciclo Ricostruzione abbiamo invervistato Sandro Sartor, Ceo di Ruffino, l’azienda toscana che dal 2011 è di proprietà del gruppo americano Constellation Brand, che ha parlato dell’impatto del Covid-19 e di quanto e come crescerà l’impegno per una viticoltura sempre più sostenibile nel prossimo futuro.

 

 

Abbiamo raccontato l’emergenza sanitaria, poi i provvedimenti urgenti per limitare i danni economici. Quindi abbiamo iniziato a ragionare sulla possibilità di immaginare una ricostruzione e su una ripresa dell’attività che ha riguardato alcuni ma non tutti. Ma quella che da subito è stata definita ‘nuova normalità’, l’approdo a un mondo post Covid diverso da quello pre Covid, è ancora tutta da costruire. Ne abbiamo parlato nel nuovo numero del magazine di Fortune Italia, ora in edicola. Ci si può abbonare a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

 

 

L’opinione

Di Fabio Insenga

 

Da che parte state? Qual è il vostro orientamento politico? Sono domande che ricorrono ogni volta che un’analisi si spinge a criticare un provvedimento, una scelta, o anche l’immobilismo e l’incapacità di scegliere. Chiaro che sia prevalentemente il governo di turno l’oggetto delle critiche e delle osservazioni di chi scrive e racconta le conseguenze di una crisi come quella che stiamo vivendo. È altrettanto evidente che assumiamo posizioni nette contro un’opposizione spesso capace solo di strumentalizzazioni e di compiacere una deriva populista e sovranista che non serve a nessuno.

Ogni critica è benvenuta. E anche qualche insulto ogni tanto ci può stare. Ma affannarsi a trovare il modo di attaccare un’etichetta ‘politica’ a Fortune, oltre a una perdita di tempo, è soprattutto un esercizio inutile: siamo contro questo governo quando, secondo noi, fa poco e male per uscire da questa crisi; saremo i primi a sostenerlo, quando vedremo passi avanti e misure che funzionano.

 

Trovate qui l’opinione integrale.

 

f.insenga@magentamedia.it

 

 

Le altre storie della settimana

 

Tech
Amazon compra Zoox, la startup dei taxi che si guidano da soli

Fondata da Tim Kentley-Klay e Jesse Levinson, Zoox è una startup lanciata nel 2014 in California specializzata nelle self-driving car, cioè nelle auto a guida autonoma. L’azienda opera nel settore dei robo-taxi, ovvero nella condivisione di passaggi senza conducente. Nel 2018 è diventata la prima azienda ad aver l’autorizzazione a offrire trasporti pubblici in modalità self-driving in California.

 

 

Turismo
Gli strani numeri (positivi) di Airbnb

Da quando la pandemia di Coronavirus ha costretto i turisti mondiali a rimanere a casa, i clienti di Airbnb hanno cancellato oltre 1 miliardo di dollari in prenotazioni. Il colosso degli affitti ha anche licenziato 1.900 dipendenti e posticipato la sua richiesta per la quotazione in Borsa. Nelle ultime settimane, tuttavia, con sorpresa dell’azienda, le prenotazioni sono tornate, e Airbnb è ora sulla buona strada per fare più affari nel 2020 rispetto all’anno precedente, afferma il Ceo Brian Chesky.

 

 

Startup
Venture Capital, i round calano del 23% nei primi sei mesi 2020

Nel primo semestre dell’anno il mercato italiano del Venture Capital ha naturalmente risentito dell’impatto Covid-19 registrando una flessione del 23% sull’ammontare investito complessivo in confronto allo stesso periodo del 2019. Infatti, i round registrati dai Venture Capitalist italiani ed internazionali, su aziende tech italiane, o fondate da italiani e con sede anche in Italia, ammontano a poco più di 240 mln di euro rispetto ai 313 mln dei primi 6 mesi del 2019.

 

 

Dall’edicola
Una ripartenza sostenibile: la strategia post Covid di Generali

Lucia Silva, Group head of sustainability and social responsibility di Assicurazioni Generali, sul nuovo numero di Fortune Italia descrive il percorso del Leone di Trieste verso la sostenibilità e le sfide post Covid-19. La sostenibilità, dice Silva, è un percorso di continuo miglioramento: “Ogni traguardo è un punto di partenza per fare sempre meglio”.

 

 

Notizie Adnkronos:

– Il piano di Lidl per l’Italia: 2.000 assunzioni e 50 nuovi punti vendita

– La nuova ‘identità sonora’ di Banca Ifis

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.