7 Febbraio 2020

La settimana, storie e analisi: infrastrutture vulnerabili

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Questa è la versione web della newsletter settimanale di Fortune Italia.  Ci si può registrare qui. Questa settimana:

La nascita di un nuovo gigante del fintech; la strategia della Bill and Melinda Gates Foundation contro il coronavirus; il momento d’oro di J-Lo; il super computer dell’Eni.

Come gestire le imprese, come far coesistere manager esterni e proprietà, quale governance adottare, come assicurare una corretta trasmissione del potere e del sapere imprenditoriale: i temi che si sviluppano intorno alle aziende di famiglia sono intrecciati tra loro e impegnano management, società di consulenza e studi legali. Nel numero di febbraio di Fortune Italia, che trovate come sempre in versione sia cartacea che digitale, abbiamo voluto dare il nostro contributo al dibattito raccogliendo dati, pareri e storie che secondo noi hanno particolare rilevanza. Tra queste, il passaggio di Gedi, società editrice tra le altre testate di La Repubblica, alla Exor guidata da John Elkann intreccia due storie familiari di peso, quelle dei De Benedetti e degli Agnelli.

 

 

L’opinione

Di Fabio Insenga

Ogni volta che avviene un incidente, grave come quello del Frecciarossa deragliato a Lodi, ci si torna a interrogare sul livello di sicurezza delle infrastrutture. Le vittime, due macchinisti, e i feriti impongono a tutti di evitare banalizzazioni, processi sommari e polemiche inutili. Sicuramente, però, qualcosa non ha funzionato come avrebbe dovuto. Presumibilmente un errore umano, visto l’intervento di manutenzione appena fatto nel tratto di ferrovia in cui è successo l’incidente. Ma ogni valutazione in merito spetta alle commissioni d’inchiesta che sono già al lavoro e, soprattutto, alla Magistratura. Le parole del ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Paola De Micheli, sono in questo senso condivisibili: “Inviterei tutti a non lasciare spazio a fantasie o a ricostruzioni inidonee in attesa del lavoro che sta svolgendo la Procura di Lodi”.

Ci sono però alcuni elementi che possono essere considerati in queste ore. L’incidente riguarda la linea ad Alta velocità, considerata all’avanguardia, e coinvolge il treno migliore che percorre la nostra rete. È un incidente che avviene nel cuore del sistema, su una tratta che quotidianamente viene percorsa da decine di migliaia di persone, e che rappresenta la conferma di un dato inconfutabile: le infrastrutture sono vulnerabili e la riduzione del rischio dipende dalla capacità di gestirle. Un tema che riguarda la politica e le aziende.

Trovate qui l’opinione integrale.

f.insenga@magentamedia.it

 

 

Le altre storie della settimana

 

Finanza
Worldline compra Ingenico: nasce il quarto gruppo fintech al mondo

Worldline, colosso francese dei servizi finanziari, acquista Ingenico, leader d’oltralpe nel settore dei pagamenti elettronici. Un matrimonio che darà vita al quarto gruppo al mondo nel settore fintech. Worldline acquisterà l’81% in azioni e il 19% in contanti. Un’operazione che frutterà un brand value per Ingenico da 7,8 miliardi di euro. L’accordo consentirà a Worldline di incrementare la sua presenza nei settori commerciali che – spiegano in una nota – rappresenterebbero il 49% dei ricavi combinati. In particolare, il 30% di nuove entrate arriverebbe dal commercio online con una crescita derivante da entrate aggiuntive pari a 100 milioni di euro. La stima sui ricavi totali? 5,3 miliardi di euro.

 

Health
Coronavirus, 100 mln dalla Bill & Melinda Gates Foundation

“La nostra speranza è che queste risorse aiuteranno a catalizzare una risposta internazionale rapida ed efficace. Questa risposta dovrebbe essere guidata dalla scienza, non dalla paura, e dovrebbe basarsi sui passi che l’Organizzazione mondiale della sanità ha adottato fino ad oggi”. Lo ha dichiarato Mark Suzman, Ceo della fondazione dei Gates, che ha impegnato 100 milioni per aiutare il rilevamento, il contenimento e i trattamenti per il cosiddetto virus 2019-nCoV, che sta creando scompiglio in molte nazioni in Asia e in Africa, più vulnerabili dal punto di vista sanitario.

 

Spettacolo
A 50 anni, J-Lo è nel suo momento d’oro

L’esibizione al Super Bowl lo ha reso cristallino: Jennifer Lopez, a 50 anni, è nel suo momento d’oro. E trasforma in oro tutto ciò che tocca. I media l’hanno definito “l’effetto J-Lo”. Marchi enormi sul mercato americano come Guess e Coach hanno scelto Jennifer Lopez come volto per le loro campagne, mentre Donatella Versace l’ha fatta sfilare in passerella lo scorso settembre con il “Jungle Dress”, un abito che quelli che scrivono di moda definiscono “iconico”, perché quando la cantante lo indossò per la prima volta, ben 20 anni fa, sul red carpet dei Grammy Awards, tutti poi andarono a cercarlo su Google, mandando in tilt il sistema. Fu così che il motore di ricerca ebbe l’idea di creare Google Images, la sezione del browser dedicata alla ricerca di immagini.

 

Tech
Dentro il super computer dell’Eni

Quasi 52 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo. È questa la capacità di performance del nuovo nato in casa Eni, l’Hpc5 – acronimo di High Performance Computing 5 – un super computer che si trova nel Green Data Center, complesso costruito nel 2014 a Ferrera Erbognone, in provincia di Pavia. Qui, il gruppo guidato da Claudio Descalzi, ospita tutti i sistemi informatici a disposizione di Eni. Infatti la grande capacità di calcolo dell’Hpc5, cioè 52 Petaflop al secondo, viene unita a quella dell’Hpc4 – 18 Petaflop al secondo – per arrivare a 70 Petaflop al secondo, rendendo in questo modo il Green Data Center di Eni la più potente infrastruttura di calcolo al mondo tra quelle non governative e tra le prime dieci per livello e velocità di performance.

 

 

Notizie Adnkronos

-Borsa, al via la seconda Elite Mediolanum Lounge

-Smart e sostenibile, ecco come sarà il nuovo ponte di Genova

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.