29 Novembre 2019

La settimana, storie e analisi: il puntuale ritorno alla nazionalizzazione

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Questa è la versione web delle newsletter settimanale di Fortune Italia. Chi non si fosse ancora iscritto, può registrarsi qui. Questa settimana:

Ecco quante tasse (poche) hanno pagato le big tech al fisco italiano; la strategia della tensione di Morselli e ArcelorMittal; i politici parlano tanto (troppo?) sui social, ma mai d’ambiente; ecco i 10 trend su cui l’industria della moda deve puntare il prossimo anno.

Il Forum Sostenibilità della scorsa settimana non è stata solo un’occasione per confrontarsi con attori fondamentali come Irena, Edison, Avio Aero, Siram Veolia. È stato anche il tentativo di fornire proposte concrete per una trasformazione che è ancora tanto lenta quanto urgente. Quelle proposte, grazie al contributo dei sei tavoli di lavoro che le hanno formulate, verranno raccolte nel numero di Fortune Italia di gennaio, che come sempre sarà disponibile sia in forma cartacea che digitale.

L’opinione

Di Fabio Insenga

Puntuale, alla fine, torna la nazionalizzazione. Nella perenne agonia di Alitalia è un tema che ricorre. Tra vecchia e nuova compagnia, passando per bad company e new company, la storia dell’aerolinea è fatta di cicli che partono da una fase di crisi acuta, passano per un’illusione di mercato, e tornano inevitabilmente allo Stato. Per fare cosa? Per comprare altro tempo, e quindi sprecare altre risorse pubbliche, o per costruire un futuro che può contare su un piano industriale serio?

Trovate qui l’opinione integrale.

f.insenga@magentamedia.it

 

alitalia nazionalizzazione commissari
Daniele Discepolo (S) e Stefano Paleari (D), commissari straordinari di Alitalia, al loro arrivo al Ministero dello Sviluppo Economico, Roma, 28 novembre 2019. ANSA/FABIO FRUSTACI

Le altre storie della settimana

Tech
Le big tech continuano a crescere, ma al fisco italiano vanno le briciole

Microsoft 16,5 milioni, Amazon 6 milioni, Google 4,7 milioni, Oracle 3,2 milioni, Facebook 1,7 milioni, Uber 153mila euro. Alibaba 20mila euro. Sono le tasse italiane pagate nel 2018 dalle big tech, o WebSoft. Per vedere il problema da un’altra prospettiva, hanno risparmiato tra il 2014 e il 2018 oltre 74 miliardi di euro di tasse a livello globale, domiciliando circa la metà dell’utile ante imposte in Paesi a fiscalità agevolata. Il bello è che di soldi per pagare le tasse ce ne sono, considerati i conti da record e il boom in Borsa dei giganti del web.

Economia
La ‘strategia della tensione’ e il caso ex Ilva

L’espressione ‘strategia della tensione’ evoca tempi difficili. Con le dovute proporzioni, aiuta oggi a descrivere i passaggi della vicenda ex Ilva, che ora sembra andare verso l’accordo Morselli-Governo. In una sintesi estrema: Arcelor Mittal annuncia l’abbandono di Taranto, forte anche degli errori della politica che offre l’assist del no allo scudo penale; si entra nell’emergenza, il corto circuito politico e mediatico è immediato; parte la ritorsione dello Stato, si muovono le Procure e la Guardia di Finanza; si torna a parlare ufficialmente e si arriva allo sblocco della trattativa.


Politica
I politici non parlano mai di ambiente sui social

Siamo nell’anno del fenomeno Greta Thunberg e delle mobilitazioni giovanili a favore dell’ambiente. Siamo nell’anno in cui è scoppiata la moda delle borracce, da preferire rigorosamente alle bottigliette di plastica, nello sforzo di rendere le nostre abitudini più eco-compatitili. Eppure, il tema non sembra trovare spazio nelle conversazioni che i politici hanno sui social. Secondo un report di Eikon Strategic Consulting, presentato durante il Forum Sostenibilità di Fortune Italia, il tema ambientale è presente solo nel 3% dei post dei nostri leader politici su Facebook.


Imprese
I 10 trend della moda globale del 2020 secondo McKinsey

L’ansia di essere digitali, inclusivi, sostenibili, galleggiare sulle onde dei mercati e delle rivoluzioni politiche rende tutti più cauti: il settore della moda il prossimo anno avanzerà, ma lentamente. Si stima una crescita globale del 3-4% nel 2020, meno del 2019. Ecco i 10 trend su cui l’industria della moda deve puntare il prossimo anno secondo il report The State of Fashion realizzato da McKinsey & Company.


Notizie Adnkronos

– Cresco Award, ecco le cinque città sostenibili premiate da Fondazione Sodalitas nell’ambito dell’assemblea annuale Anci

– Violenza sulle donne, inaugurata la mostra delle Ri-Belle ‘Ogni mia casa’

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.